Il calcio piange la scomparsa di Fabrizio Ferrigno

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il calcio piange la scomparsa di Fabrizio Ferrigno. Un brutto male lo ha portato via, lui che era un combattente e sino alla fine ha lottato da par suo. Quarantasette anni, calciatore stimato e molto amato soprattutto a Catanzaro e a Pisa, dove aveva vinto campionati importanti, da ds aveva fatto molto bene specialmente a Messina e Pagani.

Capitano e calciatore carismatico: giocò anche con Allegri e Zenga

Nella sua lunga carriera da calciatore ha raggiunto le 400 presenze, tutte tra i professionisti, mettendo a segno anche una quarantina di reti. Con il Catanzaro in particolare una doppia promozione dalla C2 alla B e un amore indissolubile con la piazza calabrese, tanto da guadagnarsi l’appellativo di “sindaco”. Un’altra piazza a cui Ferrigno era molto legato era Pisa, dove conquistò un salto di categoria dalla C alla B e dove tornava, saltuariamente, con piacere. Anche a Giulianova lo ricordano con affetto, giocò anche ad Acireale. Trequartista, elegante e dotato di un calcio e di una forza fisica fuori dal comune che abbinava con una tecnica cristallina. A Padova, in B nella stagione 96-97, giocò anche con Max Allegri e Walter Zenga. A Fabio Cannavaro, invece, lo legava una profonda amicizia dai tempi della Primavera del Napoli.

La carriera da dirigente: le promozioni a Messina e il titolo di miglior ds della Lega Pro a Pagani

Conclusa la carriera da calciatore, Ferrigno intraprese la carriera da dirigente. In Sicilia iniziò a Milazzo dove rimase due stagione sfiorando, nel primo anno, il salto dalla C2 alla C1, a Messina riportò i giallorossi nel mondo professionistico, mentre dopo la bella stagione di Pagani venne insignito del titolo di migliore direttore sportivo della categoria (serie C, stagione 2016-17). Ricoprì la carica di ds anche nel Catania e poi tornò a Messina, in D, con Pietro Sciotto.
Il male che lo colpì lo costrinse ad allontanarsi dal mondo che amava di più.
I due club peloritani, Acr e Fc, lo hanno ricordato, così come i tanti amici e colleghi. I funerali si terranno oggi, giovedì 15 ottobre, presso la chiesa madre di Tremestieri Etneo alle 15.30,
Ci mancherai Fabrizio. Fai buon viaggio.

Nella foto il dirigente napoletano Fabrizio Ferrigno

(64)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.