teatro vittorio emanuele

Teatro, lavoratori in protesta prima della Guzzanti. “Vittime di una cattiva gestione”

Pubblicato il alle

3' min di lettura

La classica goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato il mancato svolgimento di 5 concerti da camera che si sarebbero dovuti tenere alla Sala Laudamo. Ma sono anche altre le ragioni che hanno spinto i lavoratori del Teatro Vittorio Emanuele ad inscenare ieri sera una protesta pacifica, mentre era in corso la prima dello spettacolo di Sabina Guzzanti:  il mancato impiego dei tecnici , delle sarte , degli attori di tutto l’indotto che  in questi mesi è rimasto privo di occupazione . L’attrice  ha manifestato solidarietà nei loro confronti, dando ai lavoratori la possibilità di salire sul palco per spiegare i motivi che li hanno portati a manifestare.

La FPCGIl e i lavoratori, in una nota, “ringraziano Sabina Guzzanti per l’opportunità data ai lavoratori, e il pubblico che silenziosamente ha ascoltato  le ragioni della protesta e il grido di allarme delle masse artistiche del teatro, che non si rassegnano a pagare  le colpe altrui. La mobilitazione dei lavoratori – si legge nel comunicato della Fp Cgil –  continuerà nei prossimi giorni”

I manifestanti ieri sera hanno distribuito un volantino in cui vengono spiegati nel dettaglio i motivi della protesta:

Ventuno tecnici, quaranta orchestrali, dieci sarte, attori  senza lavoro quest’ anno non lavoreranno a causa della cattiva gestione del teatro Vittorio Emanuele che ha causato debiti fuori bilancio e continui sequestri da parte della Guardia di Finanza. Una classe politica  locale e regionale assente che ha relegato il teatro di Messina come fanalino di coda  rispetto ai contributi erogati ai teatri siciliani, una stagione artistica fondata sulla prosa e non sulla lirica.

Il finanziamento erogato dalla Regione siciliana pari a 3 milioni 790mila euro e’ appena sufficiente a coprire le spese di funzionamento. al teatro di Messina. La Regione destina   14,50 euro  contro i 28 pro capite ai teatri di Palermo e 23 euro pro-capite al teatro di Catania.

Questo ha un solo significato : siamo governati da una classe politica incapace di difendere gli interessi dei cittadini messinesi. La stagione teatrale è improntata sulla prosa non in sintonia con lo statuto dell’Ente. I cittadini messinesi dovranno recarsi a Catania per assistere a uno spettacolo di lirica .

A che servono due direttori artistici,  un presidente un sovrintendente, un Cda se il teatro non produce e non  assolve alla funzione di servizio pubblico? Attualmente per gestire   il teatro e’ sufficiente un impresario

 

(97)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Scandaloso….nulla da obiettare. Vergogna politici parolone….Mi fermo …meglio.!!!’@Spwriami sempre

error: Contenuto protetto.