Unime incontra i giovani ricordando la strage di Capaci

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Unime, nel giorno dell’anniversario della strage di Capaci, riafferma il proprio impegno sul fronte della cultura della legalità e della lotta ai fenomeni criminali. Lo fa attraverso una manifestazione, che si svolgerà lunedì 23 maggio presso il Rettorato, in cui i principali protagonisti saranno gli studenti universitari e degli istituti di istruzione secondaria cittadini.

“I giovani e la lotta alla mafia. In ricordo di Giovanni Falcone” è il titolo dell’iniziativa, organizzata dal Centro Studi e Ricerche sulla Criminalità Mafiosa e sui Fenomeni di Corruzione Politico-Amministrativa. Si inizierà con l’inaugurazione di una mostra fotografica sul fenomeno mafioso, nell’atrio dell’Ateneo. L’esposizione è stata curata da tutte le associazioni studentesche universitarie, che con impegno e passione hanno fornito il proprio contributo. Gli stessi studenti accoglieranno gli ospiti che visiteranno la mostra ed in particolare i ragazzi delle scuole secondarie, invitati attraverso il Centro Orientamento e Placement d’Ateneo, che si occuperà anche di fornire informazioni sulla nuova offerta didattica.
Alle 11,30 ci si trasferirà in Aula Magna per un momento seminariale. Dopo i saluti del Rettore Pietro Navarra e del Presidente del Centro Studi Giovanni Moschella, spazio a importanti testimonianze, come quelle del Procuratore della Repubblica di Barcellona P.G. Emanuele Crescenti, del Presidente del Tribunale di Messina Antonino Totaro e del Procuratore Generale presso la Corte d’Appello di Messina Giovanni D’Angelo.

Una mattinata all’insegna dei valori della legalità, che rappresentano il principale punto di riferimento del Centro Studi e Ricerche sulla Criminalità Mafiosa e sui Fenomeni di Corruzione Politico-Amministrativa, diretto dal prof. Luigi Chiara.
Il Centro, infatti, ha la finalità di sostenere, incentivare e divulgare l’analisi scientifica, la discussione critica e la divulgazione di tutti i temi connessi, tanto alle organizzazioni di tipo mafioso, quanto alle patologie che la ormai larga diffusione delle “mafie” innerva entro il contesto politico-amministrativo, economico e sociale. In particolare, il Centro promuove tutte quelle iniziative, sotto forma di ricerche, studi, seminari, convegni, attività didattiche e di alta formazione, attività editoriali e di divulgazione, che abbiano ad oggetto i temi della legalità; le politiche di prevenzione e contrasto ai fenomeni di criminalità organizzata di tipo mafioso e della corruzione politico-amministrativa; i temi più direttamente connessi alle politiche di contrasto alle organizzazioni criminali di tipo mafioso; i temi connessi alla lotta alla corruzione politico-amministrativa e, in particolare per questi ultimi, tanto in relazione ai fatti corruttivi che riguardano la pubblica amministrazione, soprattutto sul versante dei rapporti tra politica, amministrazione e contesto sociale ed economico, quanto e, più in particolare, in relazione agli intrecci tra mafia, politica e amministrazione.

(78)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.