Sicilia, Musumeci chiude i centri per migranti. Il Viminale: «Ordinanza non valida»

nello musumeci a messina per l'avvio dei lavori torrente catarratti-bisconte messinaL’ordinanza di chiusura di hotspot e centri di accoglienza per migranti in Sicilia, firmata il 23 agosto dal Presidente della Regione Nello Musumeci, non ha valore. A dirlo sono fonti del Ministero dell’Interno che sottolineano come la competenza in materia non sia regionale, ma statale.

Con il documento firmato ieri e in vigore fino al 10 settembre, il Governatore siciliano avrebbe disposto la chiusura di tutti i centri di accoglienza per migranti situati sull’Isola e imposto lo sgombero entro la mezzanotte del 24 agosto. A motivare tale decisione, i dati del contagio da coronavirus rilevati negli ultimi giorni che hanno segnalato diversi positivi tra i migranti giunti sulle coste siciliane.

Oggi, lunedì 24 agosto, alle ore 11.00 il Presidente della Regione Siciliana Nello Musumeci illustrerà al PalaRegione di Catania i contenuti dell’ordinanza (già consultabile qui). Ma c’è un ma. Fonti interne del Viminale hanno fatto sapere all’Ansa e a La Repubblica che, in ogni caso, l’ordinanza di chiusura degli hotspot non ha alcun valore perché la competenza in materia di immigrazione è statale. Le stesse fonti hanno poi sottolineato come non vi sia l’intenzione di polemizzare con il Governatore.

Una situazione analoga, va ricordato, si è creata solo pochi giorni fa quando il sindaco di Messina Cateno De Luca ha emanato un’ordinanza con lo stesso obiettivo. In quel caso, la misura è stata poi annullata dal Prefetto di Messina Maria Carmela Librizzi, con le stesse motivazioni evidenziate nelle scorse ore dalle fonti del Viminale.

(135)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *