Progetti per le scuole. Il Presidente Daf: «A che punto siamo?»

Giuseppe MinisteriCosa ne è stato della pubblicazione dei 70 progetti per le scuole presentati all’Assessorato alla Pubblica Istruzione, nell’ambito del patto territoriale 2013-2014? A domandarselo è Giuseppe Ministeri, presidente Daf – Associazione Culturale. I progetti erano stati accolti dall’Amministrazione Comunale e illustrati tra settembre e ottobre nell’ambito dell’iniziativa “La cultura illumina la vita”.

«La sensazione — dichiara Ministeri — è che la nuova Amministrazione abbia acquisito il vizio di chi l’ha preceduta: convocare con grande frequenza conferenze stampa e incontri pubblici, salvo poi concretizzare ben poco. Questo anche in casi in cui i costi della messa in opera della progettualità, per le casse di Palazzo Zanca e dunque per la collettività, sarebbero pari a zero».

Il riferimento è ai circa 70 progetti, rivolti a scuole primarie e secondarie inferiori, presentati da numerose associazioni cittadine all’Assessorato Comunale alla Pubblica Istruzione, in seguito alla pubblicazione, lo scorso 27 agosto, di un apposito avviso pubblico inserito nell’ambito del patto territoriale.

I progetti, relativi all’anno scolastico 2013-2014 e rientranti in diverse tipologie, ma tutti accomunati dalla funzione didattico-culturale ed educativo-formativa, sono stati presentati lo scorso autunno, tra settembre e ottobre, nel corso dell’iniziativa “La cultura illumina la vita”.

L’Associazione cultirale Daf aveva proposto “Piacere Shakespeare”, recital curato da Angelo Campolo, con la collaborazione di Monia Alfieri, che mette in scena un gioco teatrale interattivo, coinvolgendo bambini e ragazzi in esercizi e improvvisazioni che coniugano divertimento e apprendimento.

«Siamo stati contattati telefonicamente dall’Assessorato Comunale alla Pubblica Istruzione —  racconta Ministeri — per presentare la nostra proposta a Palazzo Zanca. In quasi 50 abbiamo illustrato i progetti lo scorso 18 ottobre, davanti ai pochi dirigenti scolastici intervenuti. In quell’occasione l’assessore Patrizia Panarello ha sollecitato tutti i presenti a inviare attraverso posta elettronica una scheda dei progetti presentati, per pubblicarla sul sito istituzionale dell’iniziativa. L’intenzione dell’Assessorato è più che lodevole: porsi come intermediario per favorire il contatto tra scuole e privati. Ma del sito in questione non v’è traccia. E l’assessore Panarello ha finora eluso tutte le nostre richieste di chiarimenti».

Il progetto “Piacere Shakespeare”, nel frattempo, ha preso avvio a fine novembre in maniera indipendente; tra gennaio e marzo farà numerose tappe in diverse scuole e istituti superiori cittadini. 

(57)

Categorie

Cultura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *