“Iconografia della Madonna della Lettera”. Inaugurazione mostra all’Arcivescovado

GSarà inaugurata oggi, alle 19, alla Cappella S. Maria all’Arcivescovado di via I settembre (Palazzo Arcivescovile), la mostra dedicata all’Iconografia della Madonna della Lettera.

Pezzo centrale della mostra l’icona della Madonna della Lettera, realizzata dal maestro iconografo, uno dei più apprezzati in Italia, Ivan Polverari, che è affiancata da altre icone realizzate dal Laboratorio di Iconografia cristina Mater Dei di Messina.

La mostra ospita anche tutti gli elaborati delle scolaresche della città che hanno lavorato sul progetto scolastico di “Riscoperta della Pia Tradizione della Madonna della Lettera attraverso il cantastorie”. Sono presenti oltre 25 cartelloni decorati da numerose immagini e testi inediti in dialetto e in italiano realizzati da quasi 600 ragazzi della Scuola dell’Infanzia, Scuola Primaria e Scuola Secondaria di I grado.

Per la realizzazione dell’icona della Madonna della Lettera, di grandi dimensioni, il maestro Polverari ha avviato uno studio filologico sull’iconografia giungendo ad una soluzione iconografica che pur mantenendo alcuni elementi caratteristici della devozione messinese, ripercorre fino al XII secolo le modalità rappresentative della Madre di Dio.

Come egli stesso dichiara nei pannelli che spiegano l’icona: «Il percorso di ricostruzione della Madonna della Lettera si è rivelato un processo lungo e molto meditato in quanto l’immagine gode, ancora oggi, di moltissima venerazione e popolarità nella città di Messina, di cui è Patrona. Al di là degli aspetti stilistici, la mia attenzione si è concentrata sull’impianto iconografico: la fase di studio è stata avviata da una ricerca su tutte le icone e gli affreschi analoghi, che mi hanno consentito di individuare, molto spesso, strutture e caratteristiche compositive simili all’icona della Madonna della Lettera».

All’inaugurazione della mostra saranno presenti l’iconografo Ivan Polverari, che terrà una relazione sull’icona, e Padre Massimo Briguglio, studioso di Iconografia, che illustrerà l’importanza liturgica dell’utilizzo delle icone anche in ambito latino.

La mostra, che è curata da Silvana Raffa, architetto, e da Denise Vrenna, rimarrà aperta alle visite tutti i giorni dal 26 maggio al 3 giugno fino alle 20.

Anche quest’anno, il 3 giugno, alla conclusione del pontificale, ci sarà la consueta distribuzione gratuita della stampa anastatica di un’antica incisione legata all’iconografia della Madonna della Lettera con una ristampa anastatica del 1690.

(307)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *