“Baracche e schiavitù”: la presentazione del romanzo di Giorgianni

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Un momento particolare della vita di Alfredo Giorgianni, padre dell’autore, Cesare Giorgianni, redattore del quotidiano La Sicilia.

Il romanzo ” Baracche e Schiavitù” si snoda partendo dalla descrizione degli anni della gioventù del protagonista vissuta in un primo momento in una baracca a Messina (scorcio familiare ricco di documentazione fotografica per non disperdere la memoria storica), quindi l'”esilio” a Pantelleria della sua famiglia perché “comunista” e la chiamata al servizio militare sul fronte serbo-croato per fronteggiare i partigiani.

Poi l’Armistizio, la cattura da parte dei tedeschi e la deportazione in due differenti campi di concentramento (stalag) militari in Germania (Neubrandenburg e Crivitz). Per l’affitto degli “Imi” (così venivano indicati i prigionieri di guerra internati italiani) da sfruttare in duri lavori, privati o industriali tedeschi versavano una cifra ai responsabili del lager, alle Ss e quindi al Terzo Reich. Una forma schiavitù del XX Secolo.

Infine una riflessione e appunti su Auschwitz con foto scattate personalmente da Cesare Giorgianni.

(120)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.