A Messina l’arte si mostra in due pomeriggi: la “Vittoria” di Francesca e Annalisa

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Si chiamano Francesca Vesto e Annalisa Rando; vivono a Messina da circa 23 anni; una studia Giurisprudenza e l’altra Discipline dello spettacolo; una scatta fotografie; l’altra recita: a legarle la passione per l’arte in ogni sua forma. Da qui nasce “Vittoria, pomeriggio d’arte“, una due giorni dedicata all’arte e alla socialità, in uno spazio adibito temporaneamente a galleria espositiva. Come potevamo perderci un esperimento del genere?

A Messina, alcuni di voi lo ricorderanno, era già successo che abitazioni private venissero utilizzate per allestimenti e performance dal vivo, e aperte al pubblico, tra gli appuntamenti più recenti, per esempio: Be Art curato da Silvia Russo, che adesso è di stanza a Berlino. Ma torniamo sullo Stretto e scopriamo di più su questi pomeriggi d’arte organizzati da Francesca e Annalisa.

I pomeriggi d’arte a Messina

Prima c’erano i pomeriggi giovani in discoteca, adesso ci sono i pomeriggi d’arte; come quelli ideati da Francesca e Annalisa che, nel giro di poco, hanno scoperto che le loro differenze caratteriali potevano diventare una forza, se messe insieme. Così hanno tirato fuori “Vittoria, pomeriggio d’arte”, vittoria dedicata a loro e ai giovani artisti di Messina, che parteciperanno all’iniziativa di questo weekend.

«Ci sono diversi motivi per cui abbiamo chiamato questo appuntamento “Vittoria” – racconta Francesca –, alcuni personali e altri che ci legano. Per quanto mi riguarda perché ho avuto il coraggio di tirare fuori le mie foto ed esporle (con il nome di Come ti pare, ndr.), senza paura di essere giudicata. E quindi la vittoria rappresenta il riuscire a non pensare alla timidezza, e al fatto di essere così introversa». «Per me – dice Annalisa – Messina non offre tante opportunità a chi vuole fare l’artista, per chi vuole farsi conoscere o esibire la propria arte. Quindi è una vittoria per noi, per poterci fare conoscere e conoscere anche gli altri ragazzi». 

Gli artisti in mostra

Sono 12 gli artisti coinvolti da Francesca e Annalisa; Sofia Bernava, Babele, Alessandra Giacoppo (foto), Alisdipity, Fabio Samperi, Aniram Arts, Francesco Ingemi, Miccia, Sabrina Samperi, Annalaura Princiotto e Maurizio La Spina (Elle Esse Emme). «Volevamo portare cose diverse, dalla fotografia alle illustrazioni, passando dalle poesie alla musica, al teatro». Divertente e assolutamente sul pezzo la ricerca degli artisti da inserire che, chiaramente per due giovanissime come Francesca e Annalisa, avviene sui social, in modo particolare su Instagram. «Abbiamo cercato su Instagram e abbiamo selezionato le persone che ci colpivano di più. Per esempio – dice Francesca – di Alessandra Giacoppo mi piace il fatto che le sue illustrazioni siano legate al mare, perché sono molto affezionata al luogo dal quale provengo». «Personalmente – dice Annalisa – qualcosa che guardo mi deve emozionare». 

L’arte che cambia Messina

Un nuovo modo, neanche troppo, quindi di fruire l’arte e di entrare in connessione con nuove persone, giusto per citare un altro esperimento artistico nato a Messina di recente. «Questa è una prova anche per noi stesse, – dice Annalisa – sperando che si possa replicare, ma anche per conoscersi, scambiarsi idee e opinioni». L’arte che unisce e che indica cosa può cambiare e migliorare; allora facciamo l’ultima domanda a Francesca e Annalisa, in vista delle prossime elezioni: cosa vorreste veder realizzato a Messina? «Più spazi per i giovani artisti». In attesa di futuri diversi, viviamo il presente con “Vittoria, pomeriggio d’arte”: sabato 23 e domenica 24 aprile, dalle 17:30, in via Enrico Martinez 7/9 a Messina.

(887)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.