Truffe assicurative: 30 richieste di rinvio a giudizio

falsi-incidentiSono 30 le richieste di rinvio a giudizio, avanzate dai sostituti procuratori Fabio Sozio e Giorgio Nicola, della procura di Barcellona, nell’ambito del procedimento penale scaturito dall’inchiesta sui falsi sinistri finalizzata ad ottenere il risarcimento dalle compagnie assicurative.  Nel dicembre 2012, l’operazione Indennizzo, dei carabinieri, era scattata con 120 indagati. Un’inchiesta scattata proprio perchè troppi erano gli incidenti con risarcimenti di migliaia di euro. Tanti da determinare un esborso di parecchi milioni di euro da parte delle compagnie. Basti sapere che solo nel 2009 i risarcimenti toccarono quota 35 milioni.
Le indagini stabilirono l’esistenza di una vera e propria associazione, composta, tra gli altri, anche da medici, avvocati e periti assicurativi, attraverso le cui complicità sarebbero stati inscenati incidenti in cui veniva dichiarato e certificato che le persone coinvolte avevano riportato gravi lesioni.
A fare scoppiare lo scandalo, le rivelazioni di un investigatore privato, un detective assunto dalle compagnie assicurative per spulciare tra le carte degli incidenti stradali. L’esito del suo rapporto fu determinante per l’avvio dell’inchiesta. Tutti i sinistri erano falsi ed avevano un denominatore comune: dietro le denunce c’erano sempre gli stessi nomi di avvocati. Di più, stranamente, gli “incidentati”, a ruota, erano  sempre i componenti di una trentina di famiglie, alcune strettamente vicine alla mafia del Longano.
Nel prosieguo dell’inchiesta, parecchie posizioni di indagati sono state stralciate e archiviate , come quelle di avvocati e periti assicurativi. Per altri 30, invece, che la procura ritiene siano “seriali” nelle truffe assicurative, è arrivata la richiesta di rinvio a giudizio. Compariranno davanti al gup di Barcellona il 19 febbraio prossimo.

 

(535)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *