omicidio furci siculo: lorena quaranta

Omicidio Lorena Quaranta, condannato all’ergastolo il fidanzato Antonio Di Pace

Pubblicato il alle

1' min di lettura

La Corte d’Assise del Tribunale di Messina ha deciso: Antonio Di Pace, fidanzato di Lorena Quaranta, è stato condannato all‘ergastolo per il suo omicidio avvenuto a Furci Siculo nella notte del 31 marzo 2020. La giovane donna originaria di Favara aveva solo 27 anni ed era una studentessa di medicina all’Università degli Studi di Messina.

I fatti risalgono a circa due anni fa, Lorena Quaranta e Antonio Di Pace, fidanzati, convivevano a Furci Siculo. Lei era una studentessa dell’Università degli Studi di Messina, era all’ultimo anno di Medicina, mentre lui lavorava come infermiere. La mattina del 31 marzo la nota stampa dei Carabinieri: un uomo era accusato di aver strangolato la compagna e di aver poi tentato di suicidarsi. Via all’indagine, poi il processo. I familiari della vittima si sono costituiti parte civile. Ieri la sentenza del Tribunale di Messina: ergastolo per Antonio Di Pace, come richiesto dal pubblico ministero Roberto Conte. Esclusa la premeditazione, aggravante richiesta dalla Procura.

Diverse le iniziative portate avanti nel corso di questi due anni in ricordo di Lorena Quaranta cui, il 20 ottobre 2020 l’Università degli Studi di Messina ha conferito la laurea in Medicina nel corso di una sentita cerimonia cui hanno partecipato i familiari della giovane donna.

 

(232)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.