Guerriglia post Messina – Reggina. I nomi dei 9 arrestati e le immagini degli scontri

ImmagineNove arrestati e un minore denunciato. Questo il bilancio degli scontri avvenuti tra tifosi e Forze dell’Ordine, al termine del match tra Messina e Reggina, disputato ieri pomeriggio al S.Filippo. Dopo il fischio finale del direttore di gara, un nutrito gruppo di ultras locali si è reso protagonista di una vera e propria guerriglia.

Secondo la ricostruzione dei fatti fornita dalla Polizia, nei minuti successivi la fine dell’incontro, alcuni tifosi messinesi hanno sfogato la  rabbia per la retrocessione tra i dilettanti, cercando ripetutamente di venire a contatto con i sostenitori reggini. Armati di mazze, pietre, cinghie e con il volto travisato, numerosi ultras hanno tentato di accedere nell’area della tribuna centrale con lo scopo di aggredire una minoranza di tifosi ospiti presenti sugli spalti. Sempre a detta della Polizia, dopo essere stato respinto dagli agenti, il gruppo si è spostato verso il  settore ospiti per aggredire i 700 tifosi  calabresi in attesa di esser scortati al porto di Tremestieri per raggiungere Reggio Calabria. Il cordone di sicurezza predisposto dagli agenti delle Forze dell’Ordine ha però evitato il contatto tra le due tifoserie.

Una volta respinti, i tifosi messinesi hanno tentato l’accesso dalla curva Sud con l’obiettivo di raggiungere l’area tecnica dell’impianto sportivo, riservata agli addetti ai lavori e alla due squadre. Non riusciti nell’impresa, hanno dato inizio ad un fitto lancio di pietre e petardi contro la polizia. Tre gli agenti feriti, uno dei quali, colpito al volto, ha riportato una ferita al labbro giudicata guaribile in otto giorni.

Poco dopo, il caos si è spostato nei pressi dell’approdo di Tremestieri. All’interno dell’area di servizio On the run, un ulteriore gruppo di tifosi messinesi  si è reso protagonista di una sassaiola contro i bus che trasportavano i sostenitori reggini. Fortunatamente, nessuno è rimasto ferito. Registrati soltanto alcuni danni alla vetrata di un mezzo Atm.

Di seguito, l’elenco dei nove tifosi arrestati dopo un’attenta analisi dei filmati da parte della Questura:

  1. SOTTOSANTI Gabriele nato a Messina il 23.09.1987;
  2. TURRISI Massimiliano nato a Messina il 31.08.1992;
  3. MESSINA Domenico nato a Messina il 12.12.1986;
  4. SIRACUSA Davide nato a Messina il 26.03.1985;
  5. GUGLIELMINO Ivano nato a Messina il 19.01.1981;
  6. ARCIDIACONO Gaetano nato a Messina il 01.06.1970;
  7. ASTUTO Matteo nato a Messina il 23.08.1987;
  8. RUGGERI Domenico nato a Messina il 16.11.1993;
  9. BONACCORSO Filippo nato a Messina il 30.05.1978;
  10. S.O., di anni 16, denunciato in stato di libertà .

I fermati, si trovano attualmente ai domiciliari in attesa del processo per Direttissima previsto nella mattinata di domani. Più seria la posizione di Gabriele Sottosanti. Il 28enne, al termine della partita, ha invaso il terreno di gioco, colpendo ripetutamente uno steward con una cinghia.

 

(1448)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *