Zona Falcata, al via la messa in sicurezza della Stele della Madonnina

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Insieme agli interventi per la ristrutturazione della Porta spagnola del Forte San Salvatore, nella Zona Falcata di Messina, adesso si aggiungono altri due cantieri: la messa in sicurezza della Stele votiva della Madonnina e del Portale di accesso alla Lanterna del Montorsoli. La consegna dei lavori è avvenuta alla presenza della Soprintendente dei Beni culturali di Messina, Mirella Vinci e dell’ingegnere Salvatore Stopo, della stessa Soprintendenza, che cureranno la Direzione Lavori, del Comandante del Supporto logistico e del Presidio della Marina Militare, Mario Lauria, del Capitano di Vascello Paolo Florentino, del comandante di Marifari Bruno Francesco De Luca e del Rup, ing. Giuseppe Sangiorgio del Genio civile, stazione appaltante.

L’esecuzione dei lavori per la Stele è stata aggiudicata all’impresa TECNO COSTRUZIONI s.r.l. di Gangi (PA) che avrà 180 giorni per portarli a termine, mentre i lavori del Portale saranno realizzati dalla I.T. DUE EFFE s.r.l. di Bagheria (PA) che dovrà eseguirli in 60 giorni. I lavori sono finanziati dall’Assessorato regionale dei Beni culturali e dell’Identità siciliana per un importo complessivo di 1.178.473,05 di euro.

Zona Falcata: avviati i cantieri

Questi tre interventi riguardano solo una parte dei lavori relativi alla riqualificazione della Real Cittadella di Messina, per la quale sono stati messi a disposizione, dalla Regione Siciliana, un importo complessivo di 17 milioni di euro. «Grande soddisfazione – ha detto Mariella Vinci – per l’avvio dei cantieri che segnano la fase attuativa dell’impegno finora profuso dal governo regionale e dalle Istituzioni che hanno lavorato con grande spirito di collaborazione».

Sulla Stele di Messina

La Stele, realizzata su progetto di Francesco Barbaro, fu inaugurata nel 1934. Alta 60 metri, è rivestita in pietra e sorregge la statua della Madonna della Lettera in bronzo dorato, patrona della città di Messina, scolpita da Tore Calabrò. La Stele si trova sul Forte San Salvatore, nella punta estrema della zona falcata, sopra il basamento recante l’iscrizione Vos et ipsam civitatem benedicimus, le parole di protezione da parte della Vergine Maria alla città di Messina contenuta nella lettera fatta pervenire nel 42 d. C. ai messinesi. Il Portale d’ingresso al ponte di collegamento con la Lanterna del Montorsoli probabilmente risale alle sistemazioni della prima metà del XIX secolo quando si intervenne parzialmente sulla struttura difensiva settecentesca, dall’impianto planimetrico a stella, per ammodernarla secondo le nuove esigenze militari finalizzate alla protezione della Torre cinquecentesca.

A questo link la determina completa.

(103)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.