Waterfront Messina: le sette proposte “vista mare” dei Grilli dello Stretto

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Lo scorso 17 gennaio, l’Autorità Portuale dello Stretto ha avviato il confronto pubblico sul Waterfront di Messina. La discussione, che terminerà il 25 marzo con la presentazione dei risultati, è aperta a tutti ed è necessaria per condividere le linee di indirizzo del concorso di progettazione che ridisegnerà il lungomare di Messina: dal Torrente Boccetta al Torrente Annunziata.

Al dibattito pubblico partecipano anche i Grilli dello Stretto che hanno avanzato 7 proposte che includono: la transizione ecologica, l’abbattimento delle barriere architettoniche e la valorizzazione del patrimonio. «Bisogna certamente mettere in campo iniziative che agevolino lo sviluppo territoriale, economico e sociale. Sfruttare – scrivono i Grilli dello Stretto – al massimo le potenzialità del Museo Regionale di Messina e del futuro Polo Scientifico e Culturale che vedrà luce al posto dell’ex Ospedale Margherita».

Waterfront Messina

Per un vero e proprio affaccio a mare, secondo i Grilli dello Stretto ci dovrebbero essere meno cancelli, quindi ostacoli per i cittadini, più alberi, un vero porticciolo turistico e un battello dello Stretto. Di seguito le sette proposte dei Grilli dello Stretto per contribuire al progetto del Waterfront di Messina:

  • Messina torna a sognare col lungomare del Mito: una porzione della Fiera di Messina deve essere riservata a un museo dedicato ai miti e alle tradizioni messinesi, partendo dall’esposizione di Mata e Grifone.
  • Nastro verde: creazione di più spazi alberati.
  • Abbattimento delle barriere architettoniche: accessibilità e inclusione, soprattutto per i più piccoli, con la realizzazione di un parco giochi fruibile da tutti i bambini con qualsiasi abilità motoria.
  • Pratiche sportive e ricreative: con un occhio di riguardo alla tradizionale pesca sportiva.
  • Gli spazi dell’ex Fiera: ridurre al minimo le cubature di cemento e si azzerino le cancellate.
  • Porticciolo turistico: per dare la possibilità al turista di fermarsi a Messina e visitare la città.
  • Battello dello Stretto: mini terminal per imbarcazioni di piccole e medie dimensioni per un servizio più ampio di trasporto via mare, con diversi punti di imbarco e sbarco lungo la riviera fino a Torre Faro.

Per partecipare all’incontro conclusivo clicca qui.

 

 

 

 

 

 

(143)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.