Un supporto psicologico per curare le “ferite invisibili” del Covid: il DDL approda all’ARS

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Dare supporto psicologico a chi ha avuto il covid, ai loro familiari ai giovani, ai professionisti in prima linea nell’emergenza, e aiutare a prevenire disagi futuri: questo l’obiettivo del disegno di legge presentato all’ARS dal deputato del Movimento 5 Stelle Antonio De Luca. «Mi auguro – sottolinea il pentastellato – che i colleghi dell’Assemblea regionale siciliana diano via libera, perché la pandemia purtroppo non è ancora alle spalle e le conseguenze psicologiche di questa emergenza sanitaria globale potrebbero durare per anni».

È approdato all’ARS il disegno di legge presentato dal parlamentare regionale del M5S, Antonio De Luca, che pone l’attenzione sull’impatto psicologico della pandemia, con particolare riferimento a chi ha preso il covid-19, ai loro familiari, giovani in età scolare, professionisti che operano in strutture sanitarie, che manifestino disagi correlati alla situazione pandemica.

Nel motivare la propria proposta, il pentastellato riporta le parole del presidente del CNOP (Consiglio nazionale ordine psicologi), David Lazzari. «Secondo quanto riferito – spiega De Luca –, l’emergenza legata al Covid-19 ha avuto un impatto psicologico devastante su milioni e milioni di persone, con un incremento enorme di disturbi dell’umore, disturbi d’ansia, disturbi del sonno, disturbi dell’adattamento, disturbi dell’alimentazione, disturbi dell’area psicosomatica e relazionale e del drammatico fenomeno della dispersione scolastica. Queste persone vanno aiutate e supportate per non rischiare di trasformare l’emergenza sanitaria in emergenza sociale».

Ciò che chiede il deputato è quindi un “servizio di trattamento psicologico post Covid-19”, da affidare alle ASP siciliane. Ad occuparsene, nell’idea dell’onorevole De Luca, dovrebbero essere professionisti psicologi e psicoterapeuti già selezionati con il bando del 2020. «Presso ogni ASP – spiega – verrebbe inoltre istituito l’ufficio di sorveglianza psicologica per pazienti Covid, composto da  psicologi liberi professionisti a rapporto convenzionale con il Sistema Sanitario Regionale, con il  precipuo  compito di monitorare lo stato di salute psicologica in tutti quei pazienti che hanno contratto il virus».

«Mi auguro – conclude l’on. Antonio De Luca – che i colleghi dell’Assemblea regionale diano via libera al disegno di legge, perché la pandemia purtroppo non è ancora alle spalle e le conseguenze psicologiche di questa emergenza sanitaria globale potrebbero durare per anni. Con questa norma sarà possibile fornire ai cittadini tutti gli strumenti per curare le proprie ferite, anche quelle invisibili dell’anima».

 

(55)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.