Un Giardino Terapeutico sullo Stretto, il progetto per il villaggio di Curcuraci

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Si chiama “Coltiviamo saggezza – Giardino Terapeutico sullo Stretto” ed è il progetto proposto da Tina Palmisano per la 5a edizione di Coltiviamo Agricoltura Sociale. Si tratta di un giardino terapeutico da realizzare nella sesta circoscrizione di Messina, nello specifico destinato al villaggio di Curcuraci e dedicato a 65 anziani e 20 giovani senza impiego.

Il bando è promosso in sinergia con Confagricoltura, Onlus Senior – L’Età della Saggezza, Reale Foundation (Reale Mutua), in collaborazione con Rete Fattorie Sociali e Università di Roma Tor Vergata, con l’obiettivo di incentivare l’agricoltura sociale favorendo e accompagnando lo sviluppo di attività imprenditoriali in grado di coniugare sostenibilità e innovazione. Per votare il progetto di Tina Palmisano, c’è tempo fino alle 24 del 26 novembre.

Il Giardino Terapeutico sullo Stretto

Tina Palmisano è l’ideatrice del progetto “Giardino Terapeutico Sullo Stretto”. «Nello splendido scenario dello Stretto – si legge nella descrizione del progetto – aiutati dalla magia dei miti di Colapesce e della Fata Morgana, 65 anziani e 20 giovani neet del territorio saranno impegnati a sconfiggere solitudine e depressione e avviarsi al mondo del lavoro, sfruttando le risorse dell’agricoltura e le competenze di qualificati professionisti come i giardinieri, naturopata, pedagogista, psicologo».

Cosa c’è dentro un giardino terapeutico?

Nel giardino terapeutico ci sarà:

  • Ortoterapia,
  • Percorso sensoriale olfattivo
  • Aromaterapia
  • Corso per manutentore del verde
  • Teatro Sociale e di Comunità
  • Counseling psicologico
  • Gite nel territorio alla scoperta delle nostre bellezze paesaggistiche e dei terreni coltivati

Coltiviamo Agricoltura Sociale

Saranno tre i premi in denaro destinati a chi vincerà il bando (ognuno da 40 mila Euro per un totale di 120 mila) e tre borse di studio per partecipare al Master di Agricoltura Sociale all’Università di Roma Tor Vergata.

Sono 45 i progetti presentati in tutta Italia e molteplici le realtà prese in esame, che spaziano dall’inserimento di persone con disabilità, all’educazione ambientale e alimentare, fino alla salvaguardia della biodiversità.

Come votare

Per votare è necessario registrarsi alla piattaforma, compilare il form e inviare. In mail arriva quindi un link di verifica che, con un semplice clic, vi riporta in “home”. Qui, nella sezione “accedi” occorre confermare mail e password. A questo punto si può votare il progetto prescelto.

Le prime trenta proposte che avranno ottenuto il maggior gradimento passeranno al vaglio di una commissione di esperti per la selezione definitiva. A dicembre si conosceranno i tre progetti vincitori che dovranno essere realizzati entro fine ottobre 2021.

(627)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.