canile

Da Roma un milione di euro per un canile comunale a Messina. La palla passa alla Giunta

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Una buona notizia per gli amanti degli animali. Il parlamento ha approvato un emendamento con cui verranno stanziati, grazie alla legge di bilancio, un milione e 125mila euro per la realizzazione di un canile comunale a Messina. Ad annunciarlo la senatrice messinese del Movimento 5 Stelle, Grazia D’Angelo.

«Questo – dichiara D’Angelo – è stato possibile grazie all’iniziativa dell’Intergruppo Animali e alla proposta delle colleghe pentastellate, la senatrice Loredana Russo e la deputata Antonella Papiro. Mi auguro che l’amministrazione comunale messinese, dopo troppi anni di inerzia sul tema del randagismo, intervenga al più presto per realizzarlo. I canili non devono essere considerati luoghi di reclusione ed è arrivato il momento di dire basta alla totale assenza di queste strutture. Bisogna garantire la tutela della dignità degli animali e la sicurezza della nostra città».

Canile comunale a Messina: ora tocca all’amministrazione comunale

Un richiamo, dunque, all’amministrazione De Luca, che adesso dovrà provvedere a individuare il luogo dove far sorgere il primo canile comunale della città di Messina, dove esistono soltanto pochi rifugi privati curati dagli instancabili volontari – scesi anche in piazza l’anno scorso – che hanno a cuore la vita di cani e gatti.

Commenta positivamente la notizia anche la consigliera comunale del M5S, Cristina Cannistrà, da tempo attenta, insieme al vicepresidente della IV Municipalità Renato Coletta, all’emergenza randagismo a Messina.

«Questi fondi – ha detto Cannistrà – danno una risposta concreta alla mancanza nel comune di Messina di un Canile e di Oasi Feline, nonostante le ripetute proteste delle associazioni animaliste e dei volontari».

«Da 3 anni – conclude l’esponente del Movimento 5 Stelle al Consiglio comunale – l’amministrazione comunale pubblica bandi che non vanno bene: io e Coletta siamo riusciti a farne ritirare 3 su 4, perché si basano sulla deplorevole scelta della deportazione verso altre città degli animali, confermando scarsa sensibilità e poca conoscenza del fenomeno del randagismo, ignorando, altresì, l’obbligo della prevenzione con la sterilizzazione. Adesso aspettiamo azioni concrete da parte dell’amministrazione comunale».

(114)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.