Tutto quello che i siciliani amano della Sicilia: la classifica

Pubblicato il alle

3' min di lettura

“La Sicilia e le meraviglie inaspettate viste dagli occhi dei siciliani”, questo il titolo della ricerca condotta da Birra Messina e Doxa che svela il lato meno noto della Sicilia e delle sue caratteristiche: la generosità, la passione e la ricchezza di «un luogo unico al mondo».

Da un’altra indagine, realizzata dall’Agenzia Quorum/Youtrend, emerge che per l’estate 2021 sono previste in Sicilia 9,8 milioni di presenze turistiche, con un recupero della domanda del 2019 del 63,6% a fronte della perdita del 62,5% del 2020. Inoltre, 1 italiano su 2 vorrebbe, sempre secondo la ricerca, trascorrere le vacanze sull’Isola.

Tra le mete preferite dei siciliani all’interno della regione, Rometta e Roccavaldina. Tra i piatti della tradizione, la granita di gelsi e la pignolata. Al primo posto, invece, lo sfincione palermitano.

La classifica delle cose preferite dai siciliani in Sicilia

Dall’indagine condotta da Birra Messina e Doxa, si evidenzia che sul podio dei luoghi della propria regione in cui i siciliani amano trascorrere le vacanze ci sono:

  • la spiaggia, con un 35% di preferenze
  • le isole, con un 20% di preferenze
  • i beni archeologici, con un 15% di preferenze

«La ricerca – si legge nella nota – rivela un dato che colpisce: il 12% dei siciliani ammette di conoscere poco la propria terra, mentre l’84% del campione afferma con sicurezza che prova spesso un senso di meraviglia e stupore di fronte ad aspetti inediti e poco conosciuti della propria regione, provando subito il desiderio di condividere questa scoperta con amici e familiari».

Cartoline dalla Sicilia

La ricerca svela i luoghi del cuore dei siciliani – quelli più intimi, fuori dalle rotte del turismo di massa – un vero e proprio concentrato
di meraviglie di una terra che custodisce gelosamente i propri gioielli più segreti. La classifica delle mete preferite dei siciliani in Sicilia:

  • Borgo Cunziria, a Vizzini, con un 64% di preferenze;
  • San Mauro Castelverde, nel Parco delle Madonie, con un 55% di preferenze;
    delle Madonie, vicino a Palermo;
  • Rometta e Roccavaldina, a Messina, con un 54% di preferenze;
  • Palazzo Acreide, ad Agrigento, con un 47% di preferenze;
  • Naro, ad Agrigento, con un 46% di preferenze.

Fra le tradizioni più antiche sinonimo dei valori più veri di questa terra, i siciliani mettono al primo posto:

  • cucina tipica e il cibo da strada, con l’88% di preferenze;
  • feste e tradizioni religiose, con il 72% di preferenze;
  • artigianato delle ceramiche, con il 65% di preferenze;
  • opera dei pupi, con il 63% di preferenze.

Anche a tavola i siciliani ci fanno scoprire un’isola che sa andare oltre i due o tre piatti conosciuti in tutto il mondo. La classifica:

  • sfincione, con il 67% di preferenze;
  • granita ai gelsi neri, con il 63% di preferenze;
  • pasta con i tenerumi, con il 53% di preferenze;
  • pasta ‘ncasciata, con il 52% di preferenze;
  • stigghiola, con il 51% di preferenze;
  • pignolata, con il 47% di preferenze.

 

 

(773)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.