ristori turismo

Turismo a Messina, pubblicati gli avvisi per i ristori agli operatori turistici

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Il ministero del Turismo ha pubblicato due avvisi pubblici per l’assegnazione e l’erogazione di contributi destinati ai ristori di agenzie di viaggio, tour operator e strutture turistico-ricettive. A renderlo noto l’assessore al Turismo del Comune di Messina, Enzo Caruso.

A chi sono rivolti i nuovi ristori per il turismo

Il primo avviso pubblico del ministero del Turismo è indirizzato ad agenzie di viaggio e tour operator. Il contributo per l’anno 2021 ammonta a 32 milioni di euro.

In particolare, si legge, «Sono beneficiari delle risorse di cui al presente avviso le agenzie di viaggio e dei tour operator, che non hanno presentato un’istanza di contributo, ai sensi dell’articolo 4 del decreto dirigenziale del 15 settembre 2020, rep. 35, recante avviso pubblico, ai sensi del decreto ministeriale 12 agosto 2020, n. 403, in possesso dei requisiti di cui all’art. 2 comma 2 del decreto ministeriale 12 agosto 2020, n. 403, costituite entro il 28 febbraio 2020 e che, al momento della presentazione dell’istanza, esercitano attività di impresa primaria o prevalente identificata dai seguenti codici A TECO: 79.1, 79.1 1, 79.12».

Rientrano tra i beneficiari anche i «soggetti od enti, costituiti o autorizzati alla data del 28 febbraio 2020, che esercitano attività di agenzia di viaggio o di tour operator, anche in maniera non primaria o prevalente, in grado di dimostrare, in maniera univoca, le perdite di fatturato e corrispettivi riferibili alle predette attività».

Per quanto riguarda il secondo avviso, invece, si tratta sempre di ristori, ma per le imprese turistico-ricettive, che riceveranno dal governo 50 milioni.

I beneficiari dovranno:

  • essere in possesso di Partita IVA attiva antecedente alla data del 1 gennaio 2020;
  • aver registrato, nell’anno 2019, ricavi di cui all’articolo 85, comma 1, lettere a) e b), del testo unico delle imposte sui redditi approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, o compensi di cui all’articolo 54, comma 1, del citato testo unico, superiori a 10 milioni di euro;
  • avere sede legale in Italia;
  •  non essere destinatari di sanzioni interdittive ai sensi dell’articolo 9, comma 2, del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231;
  • essere in regola con gli obblighi in materia fiscale;
  • essere in regola con gli obblighi in materia previdenziale ed assicurativa.

Come richiedere i nuovi ristori per il turismo

Per accedere al finanziamento è necessario compilare il format disponibile nello sportello telematico appositamente predisposto, raggiungibile al seguente indirizzo: https://sportelloincentivi.ministeroturismo.gov.it/. È possibile fare domanda fino alle ore 17.00 del 29 ottobre 2021.

Sul portale messo a disposizione dal Ministero sarà possibile:

  • accedere alla piattaforma mediante SPID o CNS;
  • delegare la presentazione dell’istanza ad un soggetto terzo;
  • rilasciare dichiarazioni autocertificate ai sensi degli articoli 46 e 47 del decreto del Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e dell’articolo 18, comma 3-bis, della legge 7 agosto 1990, n. 241;
  • inoltrare la domanda di contributo firmata digitalmente dal soggetto interessato o dal delegato, con conseguente rilascio della ricevuta di avvenuta presentazione e trasmissione dell’istanza in formato PDF.

Qui si può consultare per intero l’avviso destinato ad agenzie di viaggi e tour operator, mentre a questo link si accede all’avviso per le strutture turistico-ricettive.

(Foto © Ansa)

(91)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.