ASSOSTAMPA MESSINA

Teatro V. E. Assostampa Messina: «Cacciare i giornalisti è antidemocratico»

Pubblicato il alle

1' min di lettura

ASSOSTAMPA MESSINALa sezione di Messina dell’Associazione della Stampa stigmatizza quanto avvenuto al Teatro Vittorio Emanuele in occasione dell’incontro tenuto con la deputazione messinese all’Assemblea regionale siciliana. «Cacciare i giornalisti e vietare loro la partecipazione all’importante appuntamento — scrive in una nota il segretario provinciale Peppe Gulletta —, non è stato un atto di democrazia degno di un ente pubblico». «La stampa — prosegue — era lì per far conoscere alla cittadinanza il risultato di un incontro che avrebbe dovuto avere, nelle intenzioni di chi lo aveva voluto e sollecitato, riflessi positivi sul futuro del Teatro. Invece il comportamento posto in essere dai vertici dell’ente che hanno letteralmente buttato fuori i rappresentanti delle testate cittadine è degno di altri periodi storici in cui c’era qualcuno che decideva cosa pubblicare sui giornali. Una stampa libera ha il diritto di essere presente e partecipare alla vita democratica (incontri, vertici, conferenze stampa) per informare la comunità su quello che accade e, soprattutto, come vengono spesi i soldi pubblici». «Non ammetterla all’incontro — conclude Gulletta — non è di aiuto certamente alla soluzione del problema. Se l’Ente Teatro Vittorio Emanuele si trova in quelle condizioni economiche non è certo colpa della stampa e non comprendere che la stampa può essere di aiuto è un atto di arroganza, di mancanza di senso delle istituzioni e di vivere civile che va censurato».

(61)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.