cateno de luca nel salone delle bandiere durante la presentazione della relazione del secondo anno di mandato

Tari, MessinAccomuna contro De Luca: «La determina è nulla, ecco perché»

Pubblicato il alle

4' min di lettura

MessinAccomuna torna sulla Determina con cui il sindaco di Messina, Cateno De Luca, ha inteso bypassare la bocciatura del Piano Tariffario Rifiuti da parte del Consiglio Comunale e ridefinito la Tari per il 2021. Secondo il laboratorio di partecipazione civica, il provvedimento del Primo Cittadino sarebbe nullo, e per diversi motivi. Ecco quali.

Facciamo un passo indietro. A luglio il Consiglio Comunale ha bocciato due volte il Piano Tari presentato dalla Giunta De Luca che prevedeva un aumento delle tariffe del 9%. Il Sindaco, allora, ha redatto una determina con cui ha sostanzialmente scavalcato la decisione del Civico Consesso, chiedendogli poi di “prenderne atto” in Aula – richiesta formulata, per la precisione, dal consigliere del Gruppo Misto Nello Pergolizzi – e ottenendo un terzo “NO”. Il Primo Cittadino ha comunque dichiarato che avrebbe inviato la determina all’Arera (Autorità di Regolazione sull’Energia, i Rifiuti e l’Ambiente) e atteso il suo parere sulla legittimità dell’atto.

Ora, secondo MessinAccomuna, la determina non avrebbe alcun valore, innanzitutto perché il piano tariffario è di competenza del Consiglio Comunale e non del Sindaco, ma anche per altre motivazioni, che riportiamo:

«La determina è nulla, perché in abuso di potere. La legge 147/2013 dice: “Il consiglio comunale deve approvare entro il termine fissato… il piano tariffario TARI”, e il Sindaco non può compiere un atto del Consiglio. Per questo la Segretaria Generale scrive nel suo parere: “Si ravvisa nella determina sindacale una incompetenza funzionale dell’organo adottante”. Significa: nullità radicale dell’atto.

La determina contiene affermazioni false. Il Sindaco attribuisce al Fondo Crediti Dubbia Esigibilità (FCDE) la più gran parte dell’incremento della TARI. Scrive che il PEF 2021: “è gravato dei maggiori costi relativi a: … 3.963.270,00 riferibili all’incremento derivante da FCDE (Fondo Crediti Dubbia esigibilità) … pari al 7,92% rispetto al PEF 2020”. Questa affermazione (funzionale a eludere l’obbligo di non superare il PEF precedente) è falsa. Nel PEF 2020 il FCDE era già presente per l’importo di € 4.000.000,00; nel 2021 SCENDE a € 3.963.270,00. Non si tratta di un “maggior costo”, ma piuttosto di un MINOR COSTO, che dovrebbe ridurre la TARI per circa 37.000 Euro rispetto al 2020: altro che aumentarla di 6 milioni!

La determina è omissiva. Il differenziale tariffario è dovuto più che integralmente alla voce: “MSBC – corrispettivo della gestione del servizio”, che passa da € 35.216.904,00 a € 41.867.312,00, con un incremento di € 6.650.408. Poiché la TARI 2021 passa da € 48.405.850 a € 54.401.078,00, crescendo di € 5.995.228: tutto l’aumento (col 10% in più) è dovuto al costo del servizio. Il Sindaco vorrebbe destinare a MSBC ben il 12,4% in più rispetto al 2020, ma questo dato è sapientemente omesso nella determina.

La determina rappresenta una falsa applicazione di legge: pretende di applicare alla TARI norme di altri tributi. Scrive la Segretaria Generale: “la giurisprudenza citata nel provvedimento sindacale riguarda … un tributo, la TARSU, regolato da norme diverse che … per la TARI”: il Sindaco non può avvalersi di quella giurisprudenza per legittimare l’esproprio di competenze del Consiglio realizzato con la determina».

Questo il parere di MessinAccomuna, che conclude: «De Luca spera che l’ARERA (che non è un TAR) non si esprima sulla legittimità degli atti. E, magari, che i Consiglieri non facciano ricorso. Però questo provvedimento interessa tutti i cittadini, che hanno pieno titolo per impugnarlo. Al posto suo, non saremmo così presuntuosamente tranquilli e lo revocheremmo in autotutela. Anche perché i vizi evidenziati potrebbero non essere solamente amministrativi. Alla prossima puntata il bluff sul ricorso al Fondo Integrazione Stipendi».

(316)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.