Tamerici, palme e un limone Interdonato: Messina ha nove nuovi alberi

alberi per il futuro, il m5s pianta nove alberi sul lungomare del ringo a messinaMessina oggi è un po’ più verde. Il lungomare del Ringo, infatti, ha nove nuovi alberi piantati nell’ambito dell’iniziativa  “Alberi per il futuro” organizzata dal Movimento 5 Stelle per combattere, anche con gesti apparentemente piccoli ma significativi, i cambiamenti climatici e salvaguardare il Pianeta.

Gli alberi modificano l’ambiente, donano ossigeno, moderano il clima. Per questo motivo già da diverso tempo il Movimento 5 Stelle porta avanti l’iniziativa “Alberi per il futuro” che, giunta ormai alla sua quinta edizione, ieri è approdata anche a Messina. Ma a rispondere alla “chiamata verde” dei pentastellati sono stati anche i comuni di Scaletta Zanclea, Santa Teresa di Riva e Giardini Naxos.

Come funziona? È molto semplice: si fissa un appuntamento e ci si riunisce in un po’ prescelto del territorio per piantare alberi, Ieri è stato il turno del lungomare del Ringo dove gli attivisti del MeetUp Grilli dello Stretto, alcuni cittadini e i portavoce messinesi nazionali, regionali e locali del Movimento si sono ritrovati “armati” di pale, guanti e di tutto l’occorrente per donare un po’ di verde alla città.

«Questa mattina – ha commentato a conclusione dell’iniziativa il portavoce e deputato Francesco D’Uva –, nelle aiuole del lungomare del Ringo, abbiamo messo a dimora tamerici, palme e ilatri, mentre ieri siamo riusciti a piantare anche il limone interdonato, prodotto IGP e vera eccellenza del territorio».

«Queste iniziative – hanno spiegato i pentastellati – hanno lo scopo di sensibilizzare la cittadinanza su tematiche importantissime. Alberi per il Futuro, nel suo piccolo, rappresenta un’opera di mitigazione ambientale necessaria per combattere i cambiamenti climatici. Gli alberi modificano positivamente l’ambiente in cui viviamo moderando il clima, migliorando la qualità dell’aria, riducendo il deflusso delle acque piovane e ospitando la fauna selvatica. Siamo contenti che quest’anno ci sia stata tanta partecipazione, ma non possiamo fermarci qui. La nostra battaglia deve proseguire giorno dopo giorno».

(161)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *