Talking Health. Il 31 maggio Letizia Bucalo Vita tra i relatori del format a sostegno dei più fragili

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Lunedì 31 maggio andrà in onda Talking Health: il format nato dalla collaborazione tra Fondazione Roche e il gruppo editoriale Ciaopeople a sostegno delle categorie più fragili e con disabilità. Tra i relatori dell’evento ci sarà anche la messinese Letizia Bucalo Vita, fundraiser e comunicatrice sociale.

Farà parte di un gruppo di illustri ospiti, scelti proprio perchè “figure inspiring per le loro storie e perché impegnate nel dar voce a chi non ce l’ha”. Durante l’evento, infatti, che sarà possibile seguire in streaming su Fanpage.it, si esplorerà il concetto di salute legato al benessere psico-fisico.

Quest’anno molte persone fragili hanno ritrovato un equilibrio attraverso le attività ricreative, trasformando le proprie fragilità in uno snodo di scoperta, un punto di forza per entrare in rapporto con sé stessi e con gli altri. “Le nostre forti fragilità” – questo il titolo dato all’appuntamento – prenderà forma attraverso un confronto costruttivo e responsabile tra esperti.

Il progetto S.M.A Sound Music Art

Al Talking Health Letizia Bucalo Vita porterà il progetto di cui è ideatrice: S.M.A Sound Music Art, vincitore del Bando di Fondazione Roche. Protagonisti del progetto sono bimbi con atrofia muscolare spinale (SMA) di età compresa tra i 3 e i 12 anni a cui il Centro Clinico NeMO di Messina ha potuto offrire un percorso terapeutico online, inusuale e divertente. La realizzazione di Sound Music Art è stata possibile grazie al contributo di Fondazione Roche e alla dedizione e professionalità della psicologa Cristina Faraone, del musicista e comunicatore sociale Alessandro Silipigni e del Fisioterapista Vincenzo di Bella. Il progetto ha coinvolto la sfera motoria e psicologica in modo utile e innovativo, con musica, pittura e disegno, mettendo in pratica laboratori esperienziali, esercitazioni frontali, esercitazioni pratiche e workshop, cui i bimbi hanno partecipato in gruppo e con i genitori. La musica non solo come momento ludico ma anche riabilitativo, sfruttando dinamiche di coordinazione respiro-apnea-fonazione, indispensabili per una corretta fono articolazione. Il disegno anch’esso riabilitativo poiché, all’interno della stimolazione globale dei bimbi sono stati forniti input sensoriali e motori.

Letizia Bucalo Vita ha portato per prima in riva allo Stretto fundraising e campagne strutturate di comunicazione sociale al fianco del non profit ed ha nel suo portfolio centinaia di esperienze di successo, progetti ed eventi di sensibilizzazione, supporto e raccolta fondi.

Il suo intervento a Talking Health verterà proprio sul progetto S.M.A. Sound Music Art ed i benefici che questo ha prodotto, grazie al contributo di Fondazione Roche e grazie al lavoro di squadra. L’arte, in ogni sua forma, è sempre scelta dalla Fundraiser messinese per vestire ogni progetto di sensibilizzazione e raccolta fondi che ha realizzato.

Tutti online il 31 maggio

“Talking Health. Le nostre forti fragilità”, sarà trasmesso il 31 maggio alle 15.30 in diretta su Fanpage.it sulla pagina dell’evento e in contemporanea in streaming sui canali Facebook e Youtube della testata.

Il moderatore dell’evento sarà il giornalista e reporter Saverio Tommasi, noto per le sue numerose inchieste e reportage in Italia e all’estero riguardanti diseguaglianze e ingiustizie sociali, e la sua forza nel promuovere messaggi di speranza e coraggio.

Accanto a Tommasi saranno presenti figure impegnate nella difesa delle persone più fragili. Insieme a Letizia Bucalo Vita potremo ascoltare gli interventi di Andrea Caschetto, scrittore e globe-trotter, ambasciatore del sorriso che ha raccontato la sua storia nel libro “Grande Viaggio delle Emozioni” e Marco Rasconi, Presidente nazionale Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare (UILDM), da sempre impegnato nella difesa dei diritti delle persone con disabilità, nella lotta contro le barriere architettoniche e culturali e nella promozione dell’inclusione sociale.

Il format Talking Health è nato nel 2020 con l’obiettivo di raccontare, in collaborazione con Fondazione Roche, le difficoltà di cura delle persone fragili nell’anno dello scoppio del Covid-19. Dopo l’appuntamento del prossimo 31 maggio con “Le nostre forti fragilità”, Talking Health continuerà nel corso del 2021 con altri due eventi live, per parlare della medicina taylormade per i malati oncologici, e sensibilizzare l’intera collettività verso l’importanza della prevenzione.

(66)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.