protesta mercato di giostra ex mandalari

Spostamento del Mercato di Giostra, esercenti in protesta al Comune: «Chiediamo il diritto al lavoro»

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ancora nessuna risposta per gli esercenti del Mercato di Giostra, (ri)spostati, loro malgrado, dal viale all’area ex Mandalari con la chiusura dell’hub per i tamponi smantellato nei giorni scorsi dall’ASP di Messina. Molti commercianti però non ci stanno e da settimane ormai sono in protesta. Oggi al Comune si attendeva una soluzione, che però non è arrivata. Ecco gli ultimi aggiornamenti e la soluzione prospettata (ma ancora in sospeso).

Facciamo un breve recap. Con la creazione a gennaio 2022 dell’hub tamponi all’area ex Mandalari di Messina, il Mercato di Giostra era stato spostato e riposizionato in strada, lungo la carreggiata centrale del viale Giostra. Da inizio settembre, però, con la chiusura del centro, gli esercenti sono stati ricollocati all’interno dell’area ex Mandalari. Decisione, questa della Giunta Basile, che non è piaciuta a buona parte dei commercianti, i quali da settimane chiedono (e propongono) soluzioni alternative.

Perché l’area prescelta dall’Amministrazione non va bene? Per gli esercenti, il mercato sarebbe troppo sacrificato, lontano dai cittadini e quasi «in gabbia». A preoccupare, oltre al fatto che l’area ex Mandalari non è esattamente una zona di passaggio per i potenziali clienti, anche le condizioni di sicurezza. Alcuni commercianti, infatti, lo ritengono sostanzialmente un «recinto», poco pratico in caso di emergenze, per il passaggio di un ambulanza e privo delle necessarie vie di fuga.

L’ipotesi alternativa portata avanti dalla Giunta Basile – sancita da una delibera ancora ferma tra i corridoio di Palazzo Zanca – è quella di spostare il mercato nella parte alta del viale Giostra, lungo il controviale. Una soluzione di compromesso cui gli esercenti hanno dato l’okay, nonostante non sia considerata proprio l’ideale. Oggi, in teoria, il documento doveva essere pronto e i commercianti hanno aspettato questa mattina fuori dal Comune una risposta definitiva dall’Amministrazione. Risposta che non è arrivata. La relazione tecnica è pronta, tutto è in regola, ma manca ancora la firma di un Comandante della Polizia Municipale. Quindi? Quindi i commercianti dovranno attendere almeno fino a venerdì, gli è stato detto.

Ultimata la protesta, che doveva concludersi entro le 12.30, i commercianti sono pronti a tornare in piazza Municipio domani, per chiedere soluzioni in tempi rapidi: «Vogliamo solo il diritto a lavorare» ci dicono.

(218)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.