la sicilia è prima in Italia per smart working

Smart working. La Sicilia è la prima Regione in Italia per lavoro agile

Pubblicato il alle

2' min di lettura

la sicilia è prima in Italia per smart workingLa Sicilia è la prima Regione in Italia per numero di lavoratori in regime di smart working. A dirlo è il monitoraggio realizzato – su tutto il Paese – dal Ministero della Pubblica Amministrazione.

Per smart working – una delle conseguenze dell’emergenza coronavirus – si intende lavoro agile. Questa modalità di impiego prevede più autonomia e flessibilità nella scelta degli spazi, degli orari e degli strumenti da utilizzare per le proprie mansioni.

In Sicilia sono 7.800 le unità di personale coinvolto che svolgono il loro impiego per via telematica.  L’assessore regionale alla Funzione Pubblica Bernadette Grasso: «il dato assoluto più alto d’Italia

L’Isola dello Smart Working

Il lavoro agile o quello che viene definito smart working è stato una delle prime misure attivate dalle istituzioni per garantire la sicurezza personale e contenere il contagio da Covid-19. Adesso, a quasi due mesi di distanza dall’inizio dell’isolamento forzato, arrivano i primi dati che testimoniano il primato della Sicilia.

I dati provengono dal monitoraggio – condotto dal Ministero della Pubblica Amministrazione – sullo smart working attivato in tutta Italia. In Sicilia sono 7.800 unità che lavorano in modalità telematica. La percentuale complessiva dell’Isola si attesta sul 60 per cento per l’incidenza sul dato di lavoratori come custodi dei musei e forestali, non ricompresi nello smart working.

«Questo dato – afferma l’assessore Grasso – premia la buona volontà di tutta la macchina burocratica isolana e ci motiva ad andare ancora avanti su questa direzione. L’impegno del Governo Musumeci ha portato buoni frutti, spronandoci a mettere in programma nuovi investimenti sulla modernizzazione per via digitale della Pubblica amministrazione, uno dei punti del nostro programma.»

I dati sul lavoro agile Regione per Regione:

Media Regioni con percentuali disponibili: 73,8% (incluse le unità di personale in telelavoro)

# REGIONE LAVORO AGILE TELELAVORO TOTALE PERSONALE
1 Abruzzo 1415 1415 100%
2 Basilicata 711 1253 56,7%
3 Provincia autonoma di Bolzano 2800 3845 72,8%
4 Calabria 944 2050 46%
5 Campania 2883 4118 70%
6 Emilia Romagna 2235 461 3420 78,8%
7 Friuli Venezia Giulia 2140 34 3680 59,1%
8 Lazio 4340 4493 96,6%
9 Liguria 1010 1281 78,8%
10 Lombardia 2886 101 3034 98,4%
11 Marche 1726 10 2079 83,5%
12 Molise 395 622 63,5%
13 Piemonte 1973 305 2954 77,1%
14 Puglia 2291 2934 78,1%
15 Sardegna 2005 2547 78,7%
16 Sicilia 7800 13000 60%
17 Toscana 2870 352 3412 94,4%
18 Provincia Autonoma di Trento 3305 3487 94,8%
19 Umbria 680 1106 61,5%
20 Valle d’Aosta 1527 23 2450 63,3%
21 Veneto 1428  – 2749 51,9%

I dati relativi al personale in modalità lavoro agile sono conteggiati al netto dei dipendenti collocati in ferie o che usufruiscono di permessi ai sensi della normativa vigente.

(3)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.