ripulitura scala dei turchi imbrattata

Sicilia, la Scala dei Turchi ripulita da tecnici e volontari dopo l’atto di vandalismo

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Ripulita in tempi record la marna bianca della Scala dei Turchi imbrattata di rosso nella giornata di sabato. Al lavoro, sin dalla prima mattina di ieri, i tecnici del Comune di Realmonte e della Soprintendenza ai Beni Culturali insieme a numerosi volontari, che si sono rimboccati le maniche per lavare via il materiale e restituire la sua bellezza a uno dei luoghi più suggestivi della Sicilia.

La vicenda è tristemente nota. Nei giorni scorsi la Scala dei Turchi è stata deturpata, imbrattata con del materiale rosso che si è scoperto essere ossido di ferro in polvere (materiale, fortunatamente, facile da rimuovere). Avviata nell’immediato un’indagine da parte della Procura. I Carabinieri della Compagnia di Agrigento stanno visionando le immagini della videosorveglianza per risalire ai responsabili. Sul posto è accorsa nell’immediato anche la Soprintendenza che, dopo i rilievi del caso, si è messa in moto per ripulire l’area.

A commentare, il presidente Nello Musumeci: «La Regione Siciliana si è subito attivata, assieme al Comune, con le sue strutture sul territorio, per mettere in sicurezza la Scala dei Turchi, sulla costa siciliana di Realmonte (Agrigento), e ripulire l’area danneggiata in un luogo di rara bellezza, dopo il vile atto di vandalismo di ieri (sabato, ndr). Dalla Soprintendenza e dalla Protezione civile di Agrigento ricevo messaggi rassicuranti circa il ripristino della scogliera. Il materiale rosso sversato è riconducibile a ossido di ferro in polvere e questo non ha costituito per fortuna un grosso rischio. Sul posto si sono recati di buon mattino i tecnici del Comune di Realmonte, due funzionari della nostra Soprintendenza e numerosi volontari, che stanno aspirando la polvere, per poi ripulire l’area con l’aiuto di una idropulitrice. Li ringrazio tutti per il generoso atto di civismo e di scrupolosa responsabilità dimostrati».

(38)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.