Sicilia, dalla Regione fondi per 11 milioni di euro per turismo e ristorazione

La Regione Siciliana aumenta i fondi – che da 4 passano a 11,5 milioni di euro – per sostenere la ristorazione e il turismo, settori fortemente colpiti dall’emergenza sanitaria. Quindi, con decreto dell’assessore all’Economia Gaetano Armano sono state rideterminate le assegnazioni del “Fondo Sicilia”.

«La misura straordinaria per la liquidità, a valere sul Fondo Sicilia – dice l’assessore all’Economia e vicepresidente della Regione Siciliana Gaetano Armao – si è sin qui dimostrata un efficace strumento a sostegno della continuità finanziaria delle imprese siciliane appartenenti ai settori più duramente colpiti dalla forte diminuzione della clientela causata dalla pandemia».

Fondi per la ristorazione e il turismo della Sicilia

Il “Fondo Sicilia” – pari a 84 milioni di euro – è stato istituito presso Irfis FinSicilia Spa (intermediario finanziario, con socio unico la Regione Sicilia e sottoposto alla vigilanza della Banca d’Italia), nell’ambito delle misure varate dal Governo Musumeci per sostenere la liquidità delle imprese siciliane, duramente colpite dagli effetti della crisi pandemica.

Adesso sono state riformulate le disponibilità del Fondo inerenti il sostegno e l’agevolazione delle attività che stanno risentendo in misura maggiore delle conseguenze economiche delle restrizioni imposte dall’emergenza Covid-19.

«Per venire incontro alle necessità di credito delle attività economiche più colpite dalla crisi – dice ancora l’assessore Armao – mettiamo a disposizione ulteriore capacità finanziaria. In particolare, sulla base dell’incremento delle istanze ricevute dal comparto turistico e dal settore della ristorazione, d’intesa con Irfis FinSicilia SpA, è stata triplicato il plafond finanziario».

Fondo Sicilia per uscire dalla crisi

La dotazione del Fondo Sicilia specificamente destinata alla misura straordinaria di liquidità (Msl), prevista è pari a 30 milioni di euro disponibili sotto forma di contributi a fondo perduto, accordati a fronte di finanziamenti chirografari concessi dal sistema bancario e dai consorzi fidi a seguito delle convenzioni firmate (l’ultima con il Monte dei Paschi di Siena).

«Tra le istanze presentate a valere sul plafond destinato ai settori ristorazione e alberghiero – continua la nota regionale – sono già pervenute oltre 80 istanze di finanziamento. La misura di straordinaria di liquidità (Msl), varata dal governo Musumeci a marzo scorso, ha accolto un’esigenza effettiva del sistema economico siciliano come dimostrano le 3000 istanze già presentate delle quali già 2000 sono state istruite per il finanziamento.

La proiezione dei dati al 31 dicembre 2020 consente di calcolare contributi a fondo perduto per oltre 5 milioni e, sulla base del moltiplicatore calcolato, un ammontare di finanziamenti erogati dal sistema bancario pari a circa 65 milioni di euro».

(153)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *