Dalla Regione 250 milioni per i ristori alle imprese siciliane, ma si attende l’ok da Roma

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La Regione ha predisposto un piano di ristori per le imprese della Sicilia che prevede l’utilizzo di 250 milioni di euro del Fondo di sviluppo e coesione, ma manca ancora il via libera da parte del Governo. Lo ha annunciato il presidente Nello Musumeci, che sollecita l’Esecutivo: «Lo sforzo che stiamo compiendo, non può essere sufficiente se non è accompagnato dagli interventi del governo nazionale, che speriamo siano più incisivi di quelli operati finora».

La riprogrammazione delle risorse deliberata da Palazzo Orleans a seguito dell’intesa raggiunta dai dirigenti degli uffici della presidenza e dagli assessorati alle Attività produttive e all’Economia insieme alle organizzazioni di categorie mira a garantire sostegno al credito anche per le aziende più fragili. «L’obiettivo – spiegano dalla Regione – è quello di evitare la polverizzazione delle risorse che non risolverebbe alcun problema di tenuta e di favorire invece la concessione di capitale immediatamente spendibile per far ripartire il sistema produttivo siciliano: prestiti a tasso zero di interessi e rimborsabili a lungo termine».

Soddisfatto il presidente della Regione Siciliana, Nello Musumeci, che sollecita il Governo centrale: «Servono risposte più puntuali e noi, assieme ai 250 milioni di euro previsti, metteremo in campo anche i 100 milioni di euro di sostegno al credito, garantiti dalla convenzione della Bei (Banca europea per gli investimenti, ndr) con l’assessorato all’Economia». Sale nel frattempo il malcontento di imprenditori e commercianti, che chiedono riaperture e misure di sostegno più incisive.

(76)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.