turi u pulituri il pesce di ferro che mangia i rifiuti a messina

Siamo tutti sulla stessa barca: torna l’evento per liberare il Lago di Ganzirri dai rifiuti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Turi u pulituri, il pesce di ferro di Messina, torna in azione per ripulire il Lago di Ganzirri: sarà domenica 4 agosto la seconda giornata di “Siamo tutti sulla stessa barca 2.0”, l’evento ecologico organizzato dalla ASD Canottieri Peloro, dal Rotary Club Messina e dalla Pro Loco Capo Peloro.

Dopo la prima giornata di pulizia collettiva svoltasi lo scorso 29 giugno, i volontari delle associazioni promotrici si riuniscono di nuovo a Ganzirri, e invitano a partecipare chiunque voglia dare una mano a rendere Messina un luogo più bello e, soprattutto, vivibile. L’appuntamento è fissato per il 4 agosto, alle 9.30 presso la Pinetina di via Lago Grande, a Ganzirri, per una domenica «all’insegna dell’ecologia e dell’amicizia».

siamo tutti sulla stessa barcaA coadiuvare i volontari nelle attività di pulizia ci sarà anche un aiutante molto particolare, Turi u pulituri, il pesce di ferro che mangia i rifiuti gettati con noncuranza dagli abitanti della città, nel Lago di Ganzirri, ma non solo. Dopo queste prime azioni nel borgo marinaro, infatti, i volontari hanno intenzione di spostarsi pian piano in altre zone di Messina.

Gli esiti della pulizia svolta lo scorso giugno sono stati poi resi pubblici e denunciati anche dal consigliere comunale Alessandro Russo: dopo una giornata a raccogliere rifiuti lungo le sponde del Lago di Ganzirri, Turi aveva lo stomaco pieno di materiali di diverso tipo, dalla plastica, alle siringhe, ai cavi di eternit. Rifiuti classificabili, ha spiegato Russo in quell’occasione, «come pericolosi per l’ecosistema e per la stessa salute pubblica».

Insomma, ripulire il Lago di Ganzirri, dalle sponde ai fondali, non sarà per niente facile, ma i volontari di “Siamo tutti sulla stessa barca” sembrano agguerriti e pronti ad affrontare la sfida con l’aiuto di cittadini volenterosi disposti a rimboccarsi le maniche e a “sporcarsi le mani”.

Maggiori informazioni sono disponibili sulla pagina Facebook dell’evento.

(Foto reperita sulla pagina Facebook della Pro Loco Capo Peloro)

(186)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.