Seconda rata Tares, c’è chi ha pagato e non doveva farlo. Critiche alla delibera approvata dalla giunta solo 24 ore prima dalla scadenza

TaresNuova confusione sulla Tares. O meglio: sui tempi di pagamento e di esclusione dal versamento seconda rata. La scadenza era fissata per oggi. Ma tanti, in particolare gli anziani o i loro parenti, si sono lamentati con segnalazioni alla redazione sostenendo che il provvedimento di esenzione, approvato dalla giunta municipale, è stato formalizzato soltanto ieri. Vale a dire a 24 ore dal termine ultimo del versamento del secondo bollettino. Chi aveva presentato l’istanza di esenzione o riduzione, a valere sulla terza rata, ha appreso soltanto oggi di essere esente anche per la seconda rata e ha già pagato per evitare la mora. E chi ha presentato domanda pur senza rientrare nella graduatoria poteva dilatare il versamento a fine maggio. Ma tutto questo si è appreso solo ieri. E adesso non si sa quando saranno rimborsati i soldi con i contribuenti che saranno sottoposti a un’ulteriore trafila burocratica.

La Giunta municipale aveva deliberato ieri la rimodulazione dei criteri di applicazione delle agevolazioni/riduzioni da concedere ai soggetti utilmente collocatisi nelle graduatorie generali provvisorie “A” e “B”, escludendo dal pagamento del tributo rifiuti e servizi (TARES) dovuto per l’anno 2013, coloro che risulteranno collocati nella graduatoria definitiva “A” dal n. 1 al n. 1.252; escludendo dal pagamento della seconda e terza rata, i soggetti che nella medesima graduatoria “A” risulteranno collocati dal n. 1253 al n. 2.504; escludendo dal pagamento della seconda e terza rata, tutti i 416 contribuenti, ultrasettantenni invalidi e con reddito ISEE inferiore a 10.000 euro, che risulteranno collocati nella graduatoria definitiva “B”. Concessa infine una dilazione del termine di pagamento della seconda e terza rata per tutti i soggetti che hanno prodotto istanza, dunque anche per coloro che sono stati esclusi da ogni beneficio, rispettivamente al 31 maggio ed al 31 luglio. @Acaffo 

(51)

Categorie

Attualità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *