sciopero vigilanza privata

Sciopero vigilanza privata il 2 maggio 2022: possibili disagi per le pensioni alle Poste

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Sciopero di 24 ore, oggi, lunedì 2 maggio 2022 per i lavoratori della vigilanza privata che, per esempio, si occupano di portare in sicurezza i soldi per le pensioni negli uffici di Poste Italiane, anche a Messina e provincia. A proclamarlo Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs, contro lo stop dei negoziati di rinnovo del Contratto nazionale scaduto nel 2015.

Di seguito la nota di comunicazione dello sciopero del 2 maggio 2022 dei sindacati Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs:

«Il 2 maggio in sciopero per 24 ore i 100mila addetti. La mobilitazione, differita al 1 giugno per gli addetti alla sicurezza negli aeroporti, è stata indetta dai sindacati di categoria Filcams Cgil, Fisascat Cisl e Uiltucs all’indomani della Festa dei Lavoratori, contro lo stop dei negoziati di rinnovo del Contratto nazionale scaduto nel 2015 dopo il fallito tentativo di conciliazione con le associazioni imprenditoriali di settore Assiv, Univ, Anivip, LegaCoop Produzione e Servizi, Agci Servizi e Lavoro indisponibili a trovare la quadra sull’aumento salariale.

La giornata di sciopero nazionale sarà supportata da una mobilitazione a Roma. Il corteo, che registrerà la partecipazione di migliaia di delegati da tutta Italia, da Piazza della Repubblica a partire dalle ore 10.00, si svilupperà lungo Via Cavour e i Fori Imperiali, per poi concludersi in Piazza Madonna di Loreto alle ore 13.30.

Sulla vertenza è intervenuto anche il ministro del Lavoro Andrea Orlando. Nell’esprimere la vicinanza alle lavoratrici e ai lavoratori che hanno prestato il loro servizio anche nei momenti di difficoltà legati all’emergenza sanitaria, il Ministro Orlando, a confronto con i sindacati, si è assunto l’impegno di approfondire la condizione contrattuale del settore e di svolgere un’azione di forte sollecitazione e sensibilizzazione nei confronti delle associazioni datoriali per la ripresa delle trattative e consegnare al più presto un risultato negoziale ad un settore che opera anche nell’ambito degli appalti pubblici».

(Immagine di repertorio)

(560)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.