Salvatore Sorbello annuncia lo sciopero della fame (e spiega il perché)

foto di salvatore sorbello, consigliere comunale, con la mascherina anti coronavirusIl consigliere comunale Salvatore Sorbello annuncia lo sciopero della fame. Perché? «Perché nonostante le richieste, e la promessa fatta in Aula dal presidente di Arisme – spiega –, ancora non si è provveduto ad avviare la riqualificazione dell’area antistante Rione Taormina». Poco dopo questa dichiarazione, l’esponente di Ora Sicilia ha avuto rassicurazioni dal presidente Marcello Scurria, ma è in attesa di una conferma certa da parte del sindaco Cateno De Luca. Finché non l’avrà, dichiara, non mangerà.

Si ricorderà che qualche settimana fa il consigliere Sorbello aveva chiesto all’Agenzia per il Risanamento la riqualificazione dell’area antistante Rione Taormina e magari la costruzione, proprio in quella zona, di un giardinetto Zen, simbolo di ordine e armonia. Stando a quanto riportato allora – e ricordato nelle scorse ore dall’esponente di Ora Sicilia –, in sede di votazione del bilancio della Società Partecipata, il presidente di Arisme, Marcello Scurria, aveva detto che sarebbero intervenuti per rimettere a nuovo la zona in questione.

area antistante rione taorminaA distanza di qualche settimana, Salvatore Sorbello è quindi tornato sulla questione e ha annunciato lo sciopero della fame in Aula: «Ho iniziato lo sciopero della fame in relazione alla vicenda dell’area antistante il Rione Taormina, perché nonostante le continue richieste e la promessa fatta in Consiglio Comunale dal presidente di Arisme, ancora non è stato fatto nulla».

Questo sciopero della fame, comunque, potrebbe durare poco: «Il Presidente di Arisme – ha scritto successivamente su Facebook il Consigliere – mi assicura di avere già in mente come riqualificare l’area antistante il Rione Taormina e di essere pronto a tal fine». Ma, sottolinea Sorbello «se non mi chiama il Sindaco per darmi una data approssimativamente certa sull’inizio dei lavori, io non mangio!».

(280)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *