Salire su un autobus a Messina? Roba da acrobati

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Prendere un autobus può non essere alla portata di tutti. A Messina, a volte, si può trasformare in una impegnativa “performance” sportiva.

La situazione, come da foto, è la seguente: siete alla fermata, sulla via Cesare Battisti, tra un palo della pubblica illuminazione e la paletta con l’indicazione dell’Atm, davanti a voi una fioriera, la pista ciclabile e le strisce pedonali.

Ora, per prendere un autobus di linea, dando per scontato che passi, avete due possibilità: o lo aspettate in strada, rischiando di intralciare il “traffico” delle bici, oppure, atleti consumati, lo aspettate dietro la fioriera. Sempre che il conducente vi veda dietro gli arbusti, appena l’autobus si fermerà, di sicuro in perfetta corrispondenza dello spazio tra un palo e l’altro, fate un salto, scavalcando così la fioriera, e passando in mezzo, con un apprezzabile gesto atletico, ai due pali: vi ritroverete praticamente a bordo in una mossa sola.

Avete buste, pacchi, valige, malauguratamente un passeggino? Non c’è alcun problema: proseguite lungo la via Cesare Battisti, in direzione Università, qualche centinaio di metri più avanti ci sarà di sicuro un’altra fermata…

 

Mimma Aliberti

(491)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.