Rischio incendi a Messina, Geraci chiede un intervento per Bisconte

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il vice presidente della Terza Municipalità di Messina, Alessandro Geraci chiede un intervento urgente per il villaggio Bisconte, che potrebbe essere soggetto a rischio incendi. In modo particolare Geraci fa riferimento all’ampio terreno in via Caltanissetta.

«Parliamo di circa 10.000 mq, totalmente abbandonati da 15 anni con una folta vegetazione e sterpaglie che invadono la sede stradale – sprovvista di marciapiede – dell’unica via di accesso e uscita dal villaggio di Bisconte».

Intervento urgente per il villaggio di Bisconte che potrebbe essere a rischio incendi

Desta preoccupazione il terreno abbandonato di Bisconte, che potrebbe essere a rischio incendi: «L’ultimo intervento – continua il vice presidente della Terza Municipalità Alessandro Geraci – risale a gennaio 2020 quando, solo a seguito di una diffida da parte del deputato regionale Antonio De Luca (M5S) e certificato da una relazione dell’ARPA, l’ente regionale si decise a ripristinare la recinzione perimetrale ed alla bonifica dei materiali nocivi e di risulta conferiti illegalmente per oltre 10 anni, provvedendo anche alla scerbatura del terreno.

Da allora la natura ha fatto il suo corso, la folta vegetazione è ricresciuta diventando ricettacolo di roditori, serpenti e insetti, difatti già il 31 marzo scorso feci la prima richiesta ufficiale all’Istituto Autonomo Case Popolari, affinché provvedesse al più presto alla scerbatura e pulizia del terreno per scongiurare eventuali incendi e ripristinare le condizioni igienico sanitarie.

Da quella data si sono susseguiti diversi solleciti e interlocuzioni con alcuni impiegati dell’ente, che mi rassicuravano che al più presto sarebbero intervenuti, in quanto andava avviato l’iter per dare in appalto a una ditta esterna gli interventi nei terreni di loro proprietà, sparsi per il comune di Messina. Solo a fine luglio arriva un parziale e insufficiente intervento, in cui degli oltre 10.000 mq viene pulita solo la porzione dietro la Chiesa del villaggio, ignorando totalmente sia lo stato di crisi e emergenza incendi, proclamato dalla protezione civile regionale, sia l’ ordinanza sindacale n 133 del 26 maggio 2021 sulle misure di prevenzione contro gli incendi boschivi e d’interfaccia.

Per questo – conclude Geraci – ho riscritto una nota all’Istituto e per conoscenza al Sindaco De Luca, affinché si provveda al più presto evitando l’insorgere di incendi come avvenuto nell’estate 2019 ed eventuali rischi per la salute dei residenti di un territorio che vive già grossi disagi».

(52)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.