Ripartono i treni da e per la Sicilia: le regole da rispettare

In questa seconda parte della fase 2 – insieme alla maggior parte delle attività commerciali – ripartono i treni da e per la Sicilia. Il trasporto ferroviario sull’Isola, inoltre, arriverà al 60% delle corse regionali garantite. Numeri che provengono direttamente dall’assessore regionale alle Infrastrutture e ai Trasporti Marco Falcone.

«Da lunedì 18 maggio – dichiara Falcone – il trasporto ferroviario in Sicilia muove un altro importante passo verso il ritorno alla normalità dopo la crisi epidemiologica.»

Insieme al ripristino dei collegamenti regionali consentito anche lo spostamento con il resto del Paese, possibile grazie all’Intercity con partenza da Palermo e da Siracusa con arrivo a Roma.

La fase 2 dei treni in Sicilia

Un lunedì che ha il sapore di un ritorno alla normalità per i siciliani, che adesso avranno la possibilità di spostarsi, all’interno della Regione, via treno. Adesso, saranno attive il 60 % delle corse regionali.

«Nel giorno medio feriale – ha confermato Marco Falcone, assessore alle Infrastrutture e ai Trasporti – arriveremo a 258 corse regionali garantite rispetto alle 441 attive prima dell’emergenza coronavirus, dunque circa il 60%. Numero a cui si aggiungerà il ripristino dei collegamenti via treno fra la Sicilia e il resto del Paese.

Il Governo Musumeci –  continua Falcone – dopo aver lavorato assieme a Trenitalia per garantire l’efficacia delle misure di contenimento del virus, oggi vigila sul riavvio di un servizio per il quale la Regione Siciliana investe decine di milioni di euro l’anno».

Sui treni in Sicilia – come si viaggia

Si potrà, finalmente, tornare a viaggiare non solo all’interno della Regione di residenza ma anche all’interno del Paese. Dal 18 maggio, Trenitalia ha previsto un rinforzo dei collegamenti per garantire una mobilità sicura.

A bordo di Frecciarossa e Frecciargento pronto un servizio di accoglienza che consegnerà ai viaggiatori un safety kit gratuito composto da mascherina, gel igienizzante per mani, guanti in lattice e poggiatesta monouso.

Rinforzati anche i collegamenti Intercity con 16 treni al giorno in tutta Italia. Ma ancora 4.400 treni regionali al giorno per continuare a garantire la mobilità del Paese.

«Avevamo già avviato il 4 maggio la fase 2 – conclude Falcone – dei trasporti in Sicilia e adesso, da lunedì, diamo ulteriore slancio alla ripresa garantendo sia il rinnovamento delle vetture, attraverso l’uso dei nuovi treni ‘Pop’, sia la sanificazione e le necessarie misure di sicurezza per arginare la diffusione del coronavirus.»

Indicazioni per viaggiare in treno:

  • Dispenser igienizzanti: per igienizzare le mani presenti i dispenser a bordo
  • Mascherina e guanti: indossate necessariamente la mascherina e i guanti monouso
  • Distanza sociale
  • Dove puoi sederti: siediti lasciando libero il posto immediatamente di fianco e quello di fronte a te.
    Sulle Frecce e gli Intercity siediti sul posto che ti è stato assegnato e assicurati di non avere nessuno accanto e di fronte
  • Dove puoi sederti: nelle file da due posti, siediti esclusivamente lato finestrino, lasciando libero il sedile corridoio
  • Equipaggio in sicurezza
  • Controllo biglietto a distanza
  • Ambiente igienizzato e sicuro: i treni vengono sanificati quotidianamente in conformità ai protocolli previsti dal Ministero della Salute
  • Indicazioni per l’uscita: per uscire usa le porte dedicate. Non sostare in prossimità delle porte e disponiti lungo il corridoio rispettando la distanza sociale
  • In caso di sintomi: se qualcuno mostra sintomi influenzali è necessario informare il Capotreno.

(667)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *