studenti a scuola con le mascherine

Riapertura delle scuole in Sicilia: chi torna in classe, come e quando

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Da oggi – lunedì 1 febbraio – ritornano a scuola, e quindi in presenza al 100 per cento gli alunni di seconda e terza media di tutta la Sicilia. Dovranno aspettare altri 7 giorni gli studenti (ammessi il 50 per cento) delle scuole superiori.

Durante questa settimana, sarà possibile svolgere attività in presenza per l’uso di laboratori o per esigenze educative che favoriscano l’inclusione scolastica degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali garantendo comunque il collegamento a distanza con gli studenti in Dad.

La conferma arriva dall’assessore regionale all’Istruzione Roberto Lagalla a seguito dell’ordinanza del ministro della Salute che riporta la Sicilia in zona arancione.

Riapertura delle scuole superiori in Sicilia

Se gli alunni di seconda e terza media tornano alla normalità da oggi, lunedì 1 febbraio, con la didattica in presenza al 100%, non sarà così per gli studenti più grandi. La riapertura dei cancelli delle scuole superiori della Sicilia è prevista per lunedì 8 febbraio, con presenza in aula solo al 50%.

«Il differimento di una settimana del ritorno alla didattica in presenza per le superiori – afferma Lagalla – trova giustificazione nel principio di cautela adottato dal governo Musumeci. Inoltre, il differimento intende consentire agli istituti scolastici e ai servizi territoriali (inclusa l’applicazione dei Piani provinciali per il rafforzamento dei trasporti) di ottimizzare l’organizzazione. Infine, consente di monitorare ulteriormente, su scala regionale, l’andamento della curva epidemiologica a seguito della riammissione in presenza del 100% dell’utenza della scuola primaria e secondaria di primo grado, oltre che della scuola dell’infanzia».

«Contestualmente alla ripresa delle attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado – conclude l’assessore Lagalla – verranno adottate ulteriori e regolari azioni di monitoraggio sanitario all’interno degli istituti scolastici».

(538)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.