Regolarizzazione dei lavoratori stranieri: le info della Prefettura su come presentare domanda a Messina

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Il Decreto Rilancio prevede la regolarizzazione del lavoro irregolare per i cittadini stranieri e italiani che operano in determinati settori, come l’agricoltura e l’assistenza. In particolare, la misura è rivolta ai collaboratori domestici (o colf) e ai braccianti in Italia da prima dell’8 marzo 2020 o con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019. Vediamo cosa prevede la misura e chi può presentare domanda.

Ieri, lunedì 8 giugno, in videoconferenza presso la Prefettura di Messina si è svolto un incontro del Consiglio Territoriale per l’Immigrazione. Obiettivi della riunione sono stati, principalmente: far emergere il lavoro irregolare e rendere note le modalità di presentazione delle domande per la regolarizzazione dei lavoratori stranieri e italiani.

Decreto Rilancio, regolarizzazione del lavoro di cittadini stranieri e italiani

Il Decreto Rilancio consente al datore di lavoro italiano o straniero di sottoscrivere un nuovo rapporto di lavoro subordinato o di dichiararne uno irregolare instaurato con cittadini italiani o stranieri sul territorio nazionale prima dell’8 marzo 2020. Nel contempo tale normativa dà la possibilità agli stranieri con permesso di soggiorno scaduto dal 31 ottobre 2019 di chiedere il suddetto titolo di soggiorno per la durata di 6 mesi.

Chi può presentare domanda

Le domande devono riguardare specifici settori di attività, vale a dire:

  • agricoltura;
  • allevamento e zootecnia;
  • pesca e acquacoltura;
  • assistenza alle persone affette da patologie o handicap che limitano l’autosufficienza;
  • lavoro domestico di sostegno al bisogno familiare.

Come, quando e dove presentare domanda

La domanda per usufruire della regolarizzazione contenuta nel Decreto Rilancio va presentata entro il 31 luglio 2020 presso:

Maggiori informazioni

Maggiori informazioni sui requisiti e la procedura di regolarizzazione del lavoro di cittadini italiani o stranieri possono essere reperite nelle sezioni “Come fare per” o “Immigrazione” del sito della Prefettura di Messina.

Il prefetto Maria Carmela Librizzi, nel corso della riunione svoltasi lo scorso 8 giugno 2020 ha invitato le organizzazioni sindacali e le associazioni di volontariato ad attivarsi per informare in particolare i lavoratori stranieri, con l’obiettivo di far emergere il lavoro irregolare.

(257)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.