Radio Antidoto: perché quando la giornata va male puoi sempre fare la radio

Pubblicato il alle

2' min di lettura

La radio, quando è stata inventata (l’americano David Sarnoff ha avuto l’intuito di trasformarla in business) aveva l’esigenza di mettere in contatto luoghi distanti e diversi tra loro. Chilometri di terra dividevano gli ascoltatori, che tuttavia si sentivano vicini, grazie alla potenza della voce.

Su Radio Antidoto le cose vanno proprio così. Non è una radio di flusso, di quelle nazionali commerciali che ormai stentano a raccontare qualcosa (la pubblicità domina tutto) ma è una radio di parole e, ovviamente, di antidoti. Questa settimana siamo partiti da Messina per un aperitivo tra donne e siamo arrivati a Genova sulle tracce della Shoah. (in foto Diego ci mostra la sua postazione, ogni mattina ci dà il buongiorno con un po’ di musica)

La settimana di Radio Antidoto

Quando una giornata va male, è storta per partito preso e Saturno è contro tutti, il modo migliore per riprendersi è fare la radio. Si sceglie la musica che ci conforta e si racconta – quasi come un flusso di coscienza – quello che non va. Poi si fa un respiro e gli antidotisti corrono in soccorso e la serata prende un’altra piega.

Così è successo un paio di giorni fa in diretta su Radio Antidoto ed è stato come quando riesci a trovare finalmente il tuo posto nel mondo. Saranno le onde, ma tutto in radio si distende, finalmente.

Poi siamo andati a Genova

Poi proprio il 21 gennaio siamo andati a Palazzo Ducale a Genova per la 13esima edizione di “Segrete. Tracce di Memoria – Alleanza di artisti in memoria della Shoah”, curata da Virginia Monteverde.

Tra le installazioni, infatti, anche quella di Federico Bonelli che in diretta da Amsterdam e in onda su Radio Antidoto presentava la sua opera.

La rassegna si concluderà il 29 gennaio alle 17 con “La Gran Batuda”, docufilm diretto da Seo Cizmich sul genocidio del popolo gitano del 1749. (in foto l’installazione di Maya Zignone)

Fatti una nuotata!

Se hai voglia di sperimentare l’antidoto scrivi qui. Tuffati, l’onda ti aspetta! Radio Antidoto è una radio aperta a tutti, orizzontale e senza censure. Trasmettiamo da marzo, per trovare l’antidoto alla clausura del sistema moderno.

(71)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.