Radio Antidoto: balla come se non ci fosse un domani

Pubblicato il alle

1' min di lettura

Non avremmo mai pensato di festeggiare un capodanno insieme. Soprattutto questo capodanno, così strambo e quasi solitario. E invece… Siamo arrivati insieme al traguardo di un nuovo anno, su Radio Antidoto.

Il 2020 è stato un anno complesso, difficile, insolito, inquieto ma è stato anche l’anno in cui Radio Antidoto è nata e da questo progetto se ne sono sviluppati altri.

Quasi un anno con Radio Antidoto

Che se uno ci pensa bene, dalla nascita di questo esperimento radiofonico è passato quasi un anno (a marzo saranno ufficialmente 365 giorni di Radio Antidoto) e ancora non ci siamo fermati (evviva!).

Il nostro anno si è chiuso con un’assemblea – rigorosamente a distanza – per fare il punto di questi mesi e delineare le nuove avventure.

Sicuramente non abbiamo intenzione di smettere di fare radio. Perché ci fa stare bene, ci unisce, ci consola, mettiamola così.

E poi, non abbiamo nessuna intenzione di smettere di creare antidoti che possano – anche se solo per qualche ora – farci uscire da questo tunnel buio e opprimente che è diventata la quotidianità.

Trasformarsi

La Radio non ha fatto buoni propositi per il 2021. O meglio, ha deciso di tenerli a mente senza appuntarli da nessuna parte.

Il nostro obiettivo per questo nuovo anno, iniziato da pochissimo, è di continuare a trasformare e a trasformarsi.

 

 

(80)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.