cateno de luca e pippo lombardo

Raccolta differenziata. De Luca punta il dito contro i locali della movida: scattano le multe

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Nuovo “blitz” del sindaco di Messina Cateno De Luca che stamattina ha perlustrato il centro città insieme al presidente di MessinaServizi Bene Comune, Giuseppe Lombardo, per beccare chi non rispetta le regole della raccolta differenziata. Staccate decine di multe. Nel mirino i locali della movida (ma non solo).

cateno de luca e pippo lombardoSacchi dell’indifferenziata colmi di materiali che in realtà sarebbero stati riciclabili, come plastica, cartone, vetro e umido. È questo quanto trovato di fronte a molti locali della movida del centro di Messina secondo quanto riportato dal sindaco Cateno De Luca. «La gran parte dei locali della cosiddetta movida zona via Garibaldi – piazza Duomo – viale I settembre non effettua la raccolta differenziata e qualcuno non ha esposto neanche i carrellati. Perfino la direzione generale dell’ASP  (via La Farina) è stata sanzionata perché non fa la differenziata». Le multe per i trasgressori, ha precisato il primo cittadino, sono di 500 euro, ma «per le attività commerciali che riceveranno tre sanzioni sarà comminata una breve sospensione dell’attività per arrivate anche alla revoca».

 

Nei prossimi giorni, ha aggiunto il Primo Cittadino, ci saranno maggiori controlli: «Chi non ha mai fatto la raccolta differenziata buttando tutto nei cassonetti ora è arrabbiato perché i cassonetti non ci sono più e l’esposizione di ogni singola utenza comporta l’individuazione dei trasgressori. Ho chiesto ai colleghi della Polizia Municipale di intensificare i controlli e di potenziare il servizio con altro personale».

«Sono cosciente – ha concluso – che dobbiamo ancora migliorare il servizio ma se non estirpiamo le cattive abitudini non Miglioreremo mai.Nel frattempo abbiamo già individuato oltre 8mila utenze che non erano censite nella banca dati tributaria e quindi usufruivano del servizio e non pagavano mai perché appunto contribuenti fantasma».

(261)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.