distributore preservativi

Quel distributore di preservativi che non piace. A Furci Siculo qualcuno ne chiede la rimozione

Pubblicato il alle

1' min di lettura

distributore preservativiNon si sarebbe mai aspettato il vespaio di polemiche che ha suscitato quel distributore di preservativi installato sul lungomare di Furci Siculo. L’iniziativa del titolare della farmacia Schultze non è piaciuta ad alcuni residenti ˗ un numero esiguo ˗, e a un parroco, che hanno pensato bene di rivolgersi al sindaco Sebastiano Foti per chiederne “l’immediata rimozione”. Sono in tutto 20 le persone che hanno deciso di firmare una petizione per esprimere il loro disappunto. Ai loro occhi, probabilmente, quell’oggetto del “peccato”, che spicca in bella mostra, appare scomodo. Una sistemazione che ˗ secondo i firmatari ˗ è poco consona a un luogo dove si ritrovano numerosi bambini e adolescenti. Eppure, anche le Istituzioni non fanno che incentivare la buona pratica dell’utilizzo di contraccettivi per proteggersi da malattie veneree e gravidanze, in aumento tra le più giovani. Prevenzione ed educazione sessuale per produrre consapevolezza e responsabilizzare, ma a Furci qualcuno la pensa diversamente, pensa forse che quella “scatoletta”  posizionata in via IV Novembre possa, in qualche modo, mettere la pulce nell’orecchio dei ragazzi che lì, lungo quella strada, si incontrano e indugiano. Pensano forse che solo la vista di un distributore possa far nascere e incoraggiare “certi pensieri”. Ma all’ormone non si comanda ed è sicuramente preferibile prevenire che “curare”. 

(292)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.