multe messina

Quattro Frecce: tutto quello che devi sapere se parcheggi male

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Per questa nuova puntata di Quattro Frecce, rubrica dedicata ai parcheggi brutti di Messina, prendiamo spunto dalla recente lettera dei residenti di via San Giovanni di Malta inviata alle istituzioni su alcune multe emesse dai vigili lungo solo un marciapiede della via, lasciando immacolate le zone limitrofe.

Emerge, infatti, che solo una parte delle vetture che stavano commettendo infrazioni siano state sanzionate mentre altri veicoli parcheggiati (davvero) male siano stati graziati. In attesa della risposta del dirigente Signorelli, invitato da Quattro Frecce a rispondere ad alcune domande, proponiamo una sintesi di quello che dice il Codice della Strada. Perché un giorno, anche a voi, capiterà di parcheggiare male in questa giungla chiamata Messina.

Cos’è il Codice della Strada

Il Codice della Strada, nel diritto, è un complesso di norme emanate per regolare la circolazione su strada di:

  • pedoni,
  • veicoli,
  • animali.

Ogni Stato definisce il contenuto, le modalità di esecuzione e attuazione di tali norme in base al proprio ordinamento giuridico interno e agli accordi internazionali.

In Italia, nel secondo dopoguerra italiano entrò in vigore il Testo Unico sulla circolazione stradale, approvato nel 1959, composto da 147 articoli, più i 607 dell’annesso regolamento, rimasto in vigore sino al 1992 con l’emanazione del nuovo codice, successivamente modificato nel 2003 e convertito in legge il 1º agosto 2003, che introdusse la patente a punti.

Qui una lista delle infrazioni più comuni che potrebbero togliervi punti – da 1 a 10 – dalla patente:

  • Mancato uso o utilizzo improprio delle luci;
  • Inosservanza della segnaletica stradale o delle segnalazioni degli agenti;
  • Trasporto in sovraccarico o in sovrannumero su autovetture;
  • Sosta in corrispondenza della fermata di autobus e filobus;
  • Sosta negli spazi riservati agli invalidi.
  • Circolare senza casco o con casco allacciato in maniera inadeguata;
  • Mancato uso delle cinture di sicurezza;
  • Mancato rispetto del segnale “STOP”, precedenza omessa o del semaforo rosso;
  • Non dare la precedenza ai pedoni sulle strisce;
  • Guidare in stato di ebbrezza da alcool e droghe
  • Fuggire in caso di incidente con gravi danni ai veicoli e/o alle persone.

Non solo punti – la domenica di Quattro Frecce

Insieme alla decurtazione dei punti della patente, esistono numerose multe che possono essere emesse da chi di competenza. La lista delle sanzioni amministrative pecuniarie, secondo quanto stabilito dall’articolo 195 del Codice della Strada, viene aggiornata ogni due anni in relazione all’indice dei prezzi al consumo per famiglie.

La lista aggiornata al 2018-2019 di infrazioni e importi:

  • 81 a 83 euro per violazioni alle zone Ztl e circolazione sulle corsie bus;
  • 41 a 42 euro per divieto di sosta;
  • 161 a 165 euro per l’uso del cellulare mentre si è alla guida.

Fatevi un rapido calcolo di quante macchine potrebbero essere multate a Messina e quanta “cassa” potrebbe fare il Comune, vi basterebbe a smetterla di comportarvi da incivili?

(189)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Le regole del codice della strada sono tante, e molte, le più, non sono rispettate perché mai sanzionate. Vigili non presenti, altre forze di polizia non competenti. È capitato di vedere svolte non consentite fatte in presenza di forze dell’ordine e non sanzionate.

error: Contenuto protetto.