Rendering virtuale ponte sullo Stretto di Messina

Ponte sullo Stretto, Signorino a Limosani: «Nel dipartimento di Economia opinioni non convergenti»

Pubblicato il alle

4' min di lettura

Non è tardata la replica alla lettera inviata dal Direttore del Dipartimento di Economia dell’Università di Messina, il prof. Michele Limosani, al Ministro Matteo Salvini in merito al Ponte sullo Stretto di Messina. A ribattere, prendendo le distanze, è il prof. Guido Signorino, docente del dipartimento: «Nel nostro Dipartimento le considerazioni sulla validità economica e trasportistica del progetto esistente per la realizzazione di un ponte sullo Stretto di Messina sono notoriamente non convergenti».

Di cosa stiamo parlando? Stamattina il direttore del Dipartimento di Economia dell’Università degli Studi di Messina (UniMe), il prof. Michele Limosani, ha inviato una lettera aperta indirizzata al Ministro delle Infrastrutture, Matteo Salvini, dando la disponibilità del Dipartimento alla collaborazione nelle analisi riguardanti la realizzazione del Ponte sullo Stretto, dichiarandosi sostanzialmente a favore del progetto. A replicare è un altro docente UniMe, il prof. Guido Signorino, che esprime opinione opposta.

Ponte sullo Stretto, Guido Signorino replica a Michele Limosani: «Opinioni non convergenti nel Dipartimento»

Pubblichiamo di seguito, in maniera integrale, la replica del prof. Guido Signorino al prof. Michele Limosani.

«Con riferimento alla lettera inviata al Ministro Salvinidal Direttore del Dipartimento di Economia dell’Università di Messina, è opportuno chiarire che il Dipartimento è una comunità di studio, di analisi, di discussione. Al suo interno si incontrano e si confrontano opinioni spesso non collimanti o anche contrapposte, ciascuna con identica dignità e valore, se sostenute dalla sincera ricerca della verità e da valutazioni scientifiche metodologicamente fondate; opinioni che non possono essere motivate da pregiudizi o da ipotesi di vantaggio di alcun genere. Nel nostro Dipartimento le considerazioni sulla validità economica e trasportistica del progetto esistente per la realizzazione di un ponte sullo Stretto di Messina sono notoriamente non convergenti.

Chi ha approfondito gli aspetti economici e l’analisi costi-benefici dell’opera vi ha riscontrato seri problemi tecnici, rilevando che l’applicazione di dati effettivi e aggiornati alla medesima metodologia utilizzata dal progetto ne implicherebbe la bocciatura. L’impatto dei lavori sul tessuto urbano e sulla vivibilità della città sarebbe pesantissimo. Il piano finanziario dell’opera sembra essere una burla, che pone a totale carico pubblico il rischio (o la quasi totale certezza) del fallimento finanziario del ponte. Il costo dell’opera è allo stato totalmente indefinito, dato il pesantissimo rialzo dei costi delle materie prime, dell’energia, dell’acciaio.

Dal punto di vista procedurale non esiste un progetto esecutivo approvato e cantierabile (mancano i pareri dovuti per legge dalla “conferenza dei servizi”). Le ricadute occupazionali sono una sorta di elastico che la propaganda politica tira e stira per allungarlo sempre di più, quando è lo stesso progetto a chiarire che: “l’impatto occupazionale dell’opera appare modesto in relazione al costo dei lavori”. Una recente trasmissione di Report ha evidenziato che gli “errori” di valutazione nello svolgimento della vicenda-Telecom hanno aperto un buco potenziale di svariati miliardi nella contabilità pubblica; l’insostenibile gestione finanziaria del ponte rischia serissimamente di avere identico impatto sul debito dello Stato. Le necessità di sviluppo infrastrutturale trasportistico della Sicilia, proprio per l’evoluzione degli scenari internazionali, dovrebbe ad avviso di molti economisti dei trasporti puntare sulla valorizzazione della risorsa portuale e sullo sfruttamento dei vantaggi di fiscalità per lo sviluppo delle attività retroportuali di ultima lavorazione dei prodotti. Non è il transito delle merci, ma la loro lavorazione che porta economia al territorio. Il ponte è opera con progetto “vecchio” e non cantierabile, dal costo indefinito, dai benefici improbabili, dalle ricadute occupazionali dichiaratamente “modeste”, dal costo sociale e dall’impatto ambientale e paesaggistico altissimi.

Posso affermare, in virtù del continuo e cordialissimo confronto che ho con lui da sempre, che il Direttore Limosani ha inteso esprimere la disponibilità del Dipartimento di Economia per ogni utile approfondimento che, accrescendo gli elementi di conoscenza, possa incrementare la consapevolezza delle comunità e aiutare l’assunzione delle decisioni di maggiore utilità pubblica, senza per questo voler “schierare” il Dipartimento né a favore né contro il ponte sullo Stretto di Messina».

(167)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.