pigotta

Policlinico: una pigotta Unicef per salvare la vita di un bimbo

Pubblicato il alle

2' min di lettura

pigottaAl Policlinico quest’anno, sarà possibile adottare una pigotta, la bambola di pezza dell’Unicef, divenuta famosa in tutto il mondo perché da sempre il giocattolo simbolo con cui contribuire a salvare la vita di un bambino. E sarà proprio nel luogo in cui i bimbi nascono, la clinica ostetrica dell’azienda, che il 9 e 12 dicembre – dalle 10.30 alle 19 nostop  – genitori, visitatori e personale dell’azienda ospedaliera troveranno una postazione del Comitato Provinciale di Messina per l’Unicef con l’esposizione delle famose Pigotte. Con un’offerta minima di 20 euro si può “adottare” una bambola e di fatto permettere all’Unicef di fornire a un bambino di un paese africano interventi mirati che riducono il pericolo di mortalità nei suoi primi cinque anni di vita.

Da più di venti anni l’Unicef  è impegnato in un programma esteso di vaccinazione contro le sei malattie più pericolose per i bambini (poliomielite, tetano, morbillo, difterite, pertosse, tubercolosi). Il kit salvavita dell’Unicef è composto da vaccini, dosi di vitamina A, kit ostetrico per un parto sicuro, antibiotici e una zanzariera.

Grazie a questo intervento oggi si riesce a vaccinare l’80% dei bambini sotto un anno di età. 17 milioni di euro raccolti negli ultimi dieci anni e più di 800.000 bambini salvati nel mondo.

La scelta dello spazio per la raccolta non è casuale: per ogni bambino nato un altro può essere salvato.

(89)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.