Piscina “Graziella Campagna” accessibile? La Fauci: «Pronti a testarla con l’Amministrazione»

Pubblicato il alle

3' min di lettura

Riflettori ancora puntati sulla piscina comunale “Graziella Campagna” di Messina e sulle misure prese per garantire l’accessibilità per le persone con disabilità. A sollevare la questione è il consigliere comunale di Ora Sicilia, Giandomenico La Fauci, che interroga nuovamente l’Amministrazione Basile: «Sulle condizioni della piscina campagna risposte comunali inaccettabili. Tutta la cittadinanza abbia gli stessi diritti» commenta.

Di cosa stiamo parlando? Qualche settimana fa il consigliere di centrodestra Giandomenico La Fauci aveva inoltrato un’interrogazione all’Amministrazione Comunale in merito all’accessibilità della piscina “G. Campagna”, riaperta a ottobre 2022 dopo alcuni lavori di ristrutturazione. Arrivata la replica dal Dipartimento competente, l’esponente di Ora Sicilia commenta e contesta le risposte date: «La risposta ricevuta dall’amministrazione – scrive La Fauci – non può soddisfare le mie richieste e, anzi, rischia di suonare come una grande occasione persa per la reale risoluzione dei problemi».

Nella sua risposta, il Comune di Messina rileva l’assenza di problemi riguardanti l’accessibilità alla struttura: «La struttura sportiva di che trattasi – scrive – si presenta senza ostacoli per l’accesso agli spogliatoi (dal v.le San Martino), non esistendo salti di quota della pavimentazione o passaggi (infissi) con ridotte dimensioni. Anche il percorso tra gli spogliatoi ed il piano vasca non presenta barriere architettoniche ad eccezione dei piccolissimi rilievi (2-3-cm) della vaschetta del “passaggio bagnato”. Inoltre già da tempo (circa 20 anni) i locali doccia maschili e femminili sono stati dotati entrambi di un piatto doccia accessibile».

Secondo Giandomenico La Fauci, però: «Nella nota di risposta comunale, infatti, vengono rivendicate circostanze non aderenti alle problematiche poste in essere. Le testimonianze di tanti fruitori affetti da disabilità cozzano con le condizioni sbandierate. L’ingresso alla struttura – aggiunge – non è facilitato, anzi risulta complicato fino a diventare impossibile. Non sono presenti bagni con accesso disabili, come ammesso nella nota, e la possibilità di realizzazione è rimasta una bozza non ancora messa in opera. In più, non sono previsti corsi specifici per i disabili. Circostanza, questa, per cui si attende la risposta della FIN che, a mio modesto avviso, andrebbe sollecitata in maniera quotidiana. I macchinari per l’accesso alla piscina risultano in fase di manutenzione con tempistiche fin troppo dilatate». Su quest’ultimo punto, il Comune ha confermato che il dispositivo è in effetti guasto e che si sta lavorando per rimetterlo in funzione.

Al termine della replica, Palazzo Zanca elenca le strutture comunali accessibili. «Dispiace – commenta La Fauci – che l’interesse primario dell’amministrazione sia stato quello di elencare le strutture pubbliche in cui è garantito l’accesso ai disabili. E allora? La questione in essere riguarda la piscina “Graziella Campagna”, il fatto che altre strutture non presentino problematiche non è certamente un vanto, ma la normalità. Come cittadini non dovremmo mai accettare che la normalità venga spacciata per grandiosità.

«Sono pronto – conclude La Fauci – in prima persona, accompagnato da alcuni disabili che mi hanno più volte segnalato le criticità, a testare insieme agli uomini del Comune e dell’amministrazione le condizioni della piscina Campagna. Invito che rivolgo loro pubblicamente, dopodiché sarà più facile comprendere il reale stato e agire in tempi ristretti».

Per completezza, a questo link è disponibile l’interrogazione del consigliere comunale Giandomenico La Fauci; a questo la replica del Comune di Messina.

(65)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.