Pericolo frana a Ritiro: la preoccupazione dei residenti dopo il maltempo – VIDEO

via comunale san michele, ritiro, messinaCome di consueto all’indomani di ogni acquazzone a Messina si registrano non pochi problemi. In particolare, oggi, i residenti di via Comunale San Michele, a Ritiro, temendo una possibile frana della collina vicina alle loro abitazioni, hanno segnalato l’accumulo di fango e detriti.

A mettere in evidenza la situazione, dopo aver ricevuto, appunto, le diverse segnalazioni dei residenti del complesso Siac, sono stati i consiglieri della V Circoscrizione Franco Laimo e Franco Tavilla,.

«Dopo i lavori per la realizzazione dello svincolo autostradale di Giostra – hanno spiegato i consiglieri – una parte della collina è stata totalmente scavata e sono stati inseriti i grandi pilastri che sorreggono i ponteggi. In conseguenza di ciò però, probabilmente, non sono state realizzate delle opere adeguate a deviare i flussi idrici delle acque piovane, visto che ogni qualvolta si verificano delle piogge, si creano cumuli di fango e detriti che si riversano in strada e non solo».

I cumuli di fango, infatti, come segnalato, sembrano essere arrivati anche all’interno dei cortili del complesso residenziale Siac e dell’adiacente ex istituto scolastico, oggi convertito in deposito mezzi.

Nel segnalare questa situazione, Laimo e Tavilla ricordano i diversi sopralluoghi effettuati sul posto dai consiglieri della V Circoscrizione, ma denunciano un presunto “rimbalzo di competenze” tra Comune di Messina ed ente autostradale: «Già diversi residenti – affermano i consiglieri – sono pronti a denunciare tale situazione alla Procura della Repubblica».

«Chiedono – concludono Franco Laimo e Franco Tavilla – che si dia assoluta priorità alla sicurezza delle numerosissime famiglie residenti nell’area, al fine di prevenire l’irreparabile. Ci auspichiamo che la problematica sia risolta in maniera fattiva ed imminente e che allo stesso tempo lente autostradale completi le relative opere di messa in sicurezza in collaborazione con il Comune di Messina».

(300)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *