Mariofoti

Manifestazioni di solidarietà al sindaco di Furnari Mario Foti

Pubblicato il alle

2' min di lettura

MariofotiArrivano le manifestazioni di solidarietà nei confronti del Sindaco di Furnari, Mario Foti, vittima, la scorsa notte di un atto intimidatorio: ignoti hanno incendiato la sua auto. Il Pdl condanna fermamene questa azione: «Un gesto ignobile messo a segno contro il primo cittadino che più volte ha denunciato gli affari delle cosche mafiose nella gestione del ciclo dei rifiuti. Auspichiamo che su questo episodio gravissimo si possa fare luce nel minor tempo possibile». E solidarietà al sindaco Foti arriva anche dal Primo Cittadino di Milazzo, Carmelo Pino, che esprime sentimenti di profonda vicinanza al collega «del quale — dice — conosco la determinazione e l’attivismo, l’esortazione a proseguire nella sua attività sia politica che istituzionale. Sono certo — conclude il sindaco Pino — che episodi del genere non fermeranno il suo impegno nel comune di Furnari a favore della comunità e sempre nel pieno rispetto della legalità».

A questi si uniscono anche la Giunta Municipale,  il Presidente, il Consiglio Comunale e  i dipendenti comunali di Furnari i quali ritengono che «l’azione amministrativa del Sindaco di Furnari, intrapresa in tutte le sedi istituzionali e giurisdizionali a tutela della legalità  e del diritto alla salute della comunità furnarese, non può essere certamente fermata da fatti criminali posti in essere da singoli soggetti, i quali conoscono soltanto la logica della prepotenza, della sopraffazione e della violenza». «La comunità furnarese è una comunità onesta ed operosa — continuano — e ha in sé tutte le risorse e le capacità per essere in grado condannare isolati soggetti che tentano di imporre la cultura mafiosa della illegalità». Anche il Circolo Arci “Senza Confini” di Furnari esprime profonda vicinanza al Sindaco invitandolo a continuare «la battaglia per l’affermazione della legalità indispensabile per una comunità che già da tempo subisce tutte le devastazioni prodotte dall’azione mafiosa». 

 

(83)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.