colli san rizzo

Parco dei Peloritani. L’assessore regionale Croce favorevole al progetto

Pubblicato il alle

2' min di lettura

colli san rizzo1L’assessore Regionale all’Ambiente, Maurizio Croce, si è dimostrato favorevole all’Istituzione del Parco dei Peloritani, rendendosi disponibile a definire lo stato dell’arte del progetto. Tale disponibilità è stata manifestata ieri durante il tavolo tecnico in merito all’istituzione del Parco regionale dei Peloritani, indetto dal presidente della Commisione Ambiente, Rita La Paglia, dando seguito alla richiesta d’incontro dell’assessore Daniele Ialacqua all’assessore Regionale al Territorio e cogliendo l’occasione della presenza dell’assessore Croce al Comune.

Alla riunione hanno partecipato: l’assessore Daniele Ialacqua;  il capogruppo dei Dr, Elvira Amata, i consiglieri dei Dr, Carlo Abate e Nino Interdonato;  l‘esperto del Sindaco, Marcello Mento; l’ingegnere Francesco Cancellieri  dell’Assessorato Ambiente e nuovi stili di vita; Giuseppe Giaimi, presidente del comitato per l’istituzione del Parco dei Peloritani.

Durante il tavolo tecnico, nell’ambito della Gestione del Territorio ed Ambiente del comune di Messina, sono state trattate: l’istituzione del Parco regionale dei Peloritani (stato di attuazione); le modalità di partecipazione del Comune di Messina al progetto “Life”; la gestione delle criticità della Rete Natura 2000 nel territorio di Messina; la stipula del protocollo di intesa Regione Siciliana, Comune di Messina e Arpa Sicilia per il monitoraggio ambientale.

Durante l’incontro è stata più volte sottolineato l’importanza strategica dell’Istituzione del Parco dei Peloritani sotto vari profili: recupero e valorizzazione del territorio, riflessi positivi in termini di tutela ambientale, implementazione turistica ecc.

Infine, si è evidenziato quanto la realizzazione del Parco dei Peloritani rappresenti un valore aggiunto al riconoscimento dello Stretto di Messina quale patrimonio dell’Unesco.

Sugli altri punti, l’assessore Croce si è impegnato ad approfondire le questioni poste e a organizzare un nuovo incontro.

(200)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.