albino luciani scuola

Panarello incontra la preside dell’Albino Luciani, vittima di un nuovo atto vandalico

Pubblicato il alle

2' min di lettura

albino luciani scuolaUn nuovo atto vandalico all’Albino Luciani. Questa volta vittima dell’ennesimo incendio è stata la Preside della scuola. Per dimostrare solidarietà e condannare tali gesti, oggi alle 11.30, l’Assessore alla Pubblica Istruzione, Patrizia Panarello, incontrerà, la preside della scuola media Albino Luciani di Fondo Fucile, Grazia Patanè. Il gesto di ieri a danno dell’auto di quest’ultima segue quello di martedì scorso ai danni di due autovetture di un’altra docente della stessa scuola.

Il sindaco Renato Accorinti, impegnato a Palermo per motivi istituzionali, e l’assessore Panarello, nel condannare gli autori di questo gesto ignobile, hanno espresso la propria solidarietà a tutti i componenti e al personale della scuola. «Sono profondamente amareggiato ─ ha dichiarato il sindaco Accorinti ─ per quanto accaduto nell’arco temporale di sette giorni; è motivo di maggiore tristezza per chi, come me, crede fortemente nel rilancio della società civile attraverso la cultura e gli insegnamenti provenienti dalle scuole, che formano i cittadini del futuro. Non bisogna assolutamente scoraggiarsi, ma reagire e continuare a lavorare nella direzione giusta, integrando sempre di più quei giovani che vivono un disagio sociale. Nei primi anni della mia carriera ho insegnato in quella scuola e conservo bei ricordi. Gesti simili colpiscono non solo chi li subisce, ma soprattutto la collettività messinese e l’intero panorama scolastico».

«È doveroso ripristinare nella scuola – ha aggiunto l’assessore Panarello – un clima di coesione e solidarietà sociale attraverso il coinvolgimento di istituzioni, dirigenti, docenti, operatori scolastici, studenti e delle loro famiglie. La scuola deve sempre impegnarsi in prima linea per la cultura della legalità e l’unica strada da percorrere è continuare, come sempre, ad insegnare il valore della legge, della sana convivenza civile e del reale significato di democrazia. Nel Patto territoriale i progetti su educazione e legalità sono stati preferiti dagli istituti comprensivi di Messina e ciò è indice della sensibilità e della necessità da parte di dirigenti e docenti di educare gli alunni al rispetto degli altri e delle regole».

(88)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.