Ordine dei medici: «Intransigenti verso iscritti coinvolti nelle vicende legate ai focolai di coronavirus»

Pubblicato il alle

1' min di lettura

«L’Ordine dei medici e odontoiatri sarà intransigente nei confronti degli iscritti coinvolti nelle presunte vicende legate a ipotetici focolai di coronavirus o in merito al mancato rispetto di norme, anche deontologiche, in occasione dell’emergenza sanitaria»: sono le parole del presidente Giacomo Caudo, che già nei giorni scorsi ha precisato in alcune interviste la netta presa di posizione dell’ente, pronto ad avviare gli iter previsti e adottare eventuali provvedimenti. «Bisogna accertare le responsabilità, quindi le violazioni e i comportamenti contrari alla legge e al nostro codice deontologico prima di infliggere qualunque tipo di sanzione. Non accettiamo una giustizia sommaria e approssimativa – conclude Caudo – né tantomeno sterili presunzioni di colpevolezza e liste di proscrizione. L’Ordine farà la sua parte nel pieno e dovuto rispetto della normativa vigente».

(2316)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

  1. Belle parole ed intanto nel bel mezzo delle restrizioni avete sospeso 5 medici di famiglia lasciando allo sbando 6000 persone. Dove è il GARANTISMO .Esiste solo per i soliti delinguenti. Io sono un assistito e il mio medico conosce le mie patologie.

error: Contenuto protetto.