Online il modello 730 precompilato 2022 per la dichiarazione dei redditi: come funziona

Pubblicato il alle

2' min di lettura

Da lunedì 23 maggio, l’Agenzia delle Entrate mette a disposizione dei contribuenti il modello 730 precompilato 2022: si tratta, come suggerisce il termine, di una dichiarazione dei redditi precompilata con diversi dati già inseriti: dalle spese sanitarie a quelle universitarie; dai premi assicurativi agli interventi di ristrutturazione edilizia ed energetica.

Chi accetta online il 730 precompilato senza apportare modifiche non dovrà più esibire le ricevute che attestano oneri detraibili e deducibili e non sarà sottoposto a controlli documentali. Oltre al 730 è disponibile anche il modello Redditi persone fisiche precompilato. Da quest’anno sarà inoltre possibile affidare a un familiare o un’altra persona di fiducia l’invio della propria dichiarazione: una novità introdotta per agevolare tutti quei contribuenti che non possono gestire direttamente l’adempimento.

«La dichiarazione precompilata – afferma il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, Ernesto Maria Ruffini – si arricchisce ogni anno di ulteriori dati a conoscenza dell’Agenzia delle Entrate e si conferma un’utile semplificazione: infatti non solo facilita gli adempimenti, ma rappresenta anche una garanzia per il contribuente. Ad esempio, la raccolta automatizzata delle spese detraibili permette di avere consapevolezza delle agevolazioni spettanti, evitando così che alcune opportunità offerte dalla normativa non vengano colte. I numeri dimostrano la crescente familiarità dei cittadini con questo strumento, che fino a pochi anni fa appariva impensabile».

Online il modello 730 precompilato

Prima di inviare il modello 730, è necessario consultare anche le fatture elettroniche relative agli acquisti in qualità di consumatore finale, accedendo al sito dell’Agenzia delle Entrate attraverso lo SPID, la carta d’identità elettronica o la carta nazionale dei servizi. Dopo i controlli del caso, si potrà inviare il modello del 730 precompilato dal 31 maggio 2022.

Qui la guida completa.

(246)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Contenuto protetto.